Macedonia del Nord, come gioca la prima avversaria dell’Italia verso Qatar 2022

Piccoli, organizzati e preparati alla battaglia: ecco punti forti e debolezze della Macedonia del Nord, primo ostacolo per l’Italia verso Qatar 2022

Lo spauracchio in vista di Qatar 2022 è il Portogallo, ma per sfidare in un vero e proprio dentro e fuori Cristiano Ronaldo, l’Italia dovrà prima passare un altro esame. Quello della Macedonia del Nord, piccola nazionale che rappresenta una delle realtà più importanti del panorama balcanico.

Solo 77 minuti in questa stagione, ma ha vinto il Golden Boy italiano

Un avversario che all’apparenza, sulla carta, non dovrebbe riservare troppi problemi, ma che in virtù della sua evoluzione recente va preso con le molle. Non sarà una sfida inedita: infatti, nelle qualificazioni a Russia 2018, Italia e Macedonia del Nord si erano già incrociate, con una vittoria in trasferta per l’allora squadra allenata da Ventura e il pareggio 1-1 dell’Olimpico Grande Torino.

Il cammino della Macedonia del Nord

Nel cammino che ha portato a questi playoff la Macedonia del Nord è arrivata seconda nel Gruppo J, dietro al colosso Germania e davanti a tante altre realtà importanti come Romania e Islanda. I 18 punti conquistati sono un buon bottino, impreziositi dalla vittoria per 2-1 in terra tedesca.

Nonostante ciò, decisive sono state le ultime due vittorie consecutive contro Romania e Armenia, quasi due scontri diretti superati agilmente dalla compagine balcanica, che ha evidenziato, tra le altre cose, un’ottima attitudine difensiva.

maglie euro 2021 macedonia
MACEDONIA
Fonte: @ffmacedonia (Instagram)

Il ct e le stelle della squadra

Il commissario tecnico della Macedonia del Nord è Blagoja Milevski, 50 anni, un nome sconosciuto ai più diventato famoso per aver vinto un campionato in patria, qualche anno fa, alla guida del Vardar. Milevski è subentrato ad agosto a Igor Angelovski, che ha dato l’addio dopo più di sei anni.

Macedonia, Trajkovski:’Piccoli sulla cartina, ma abbiamo un cuore enorme’

Uomo federale, di recente ha allenato l’under 21 macedone e l’Ashdood, squadra della prima divisione israeliana. Le stelle della squadra, dopo l’addio di Pandev, sono principalmente due: la prima è Eljif Elmas, centrocampista del Napoli, mentre la seconda è Enis Bardhi, fantasista del Levante.

A loro si aggiungono il portiere Stole Dimitrievski del Rayo Vallecano e il difensore Ezgjan Alioski, ex Leeds. Per il resto, la rosa è composta da giocatori che militano in campionati europei di medio o basso livello, se non in patria.

Modulo e formazione tipo

Milevski ha imbastito un 4-3-3 dal baricentro molto basso, che punta principalmente ad assorbire il dominio e il possesso avversario per poi ripartire verticalmente sfruttando la rapidità degli interpreti nel ribaltare il campo.

L’impresa della Macedonia: prima volta agli Europei grazie a Pandev

Tra i pali c’è Dimitrievski, davanti al quale si muovono Ristovski, Velkovski, Musliu e Alioski. In mezzo al campo giocano Bardhi ed Elmas nel ruolo di mezzali, con Kostadinov mediano basso a protezione del pacchetto arretrato.

L’Italia di Mancini e l’Italia di Ventura, confronto e differenze

Infine, il tridente offensivo è composto dall’ex palermitano Trajkovski e dall’interessante classe 2000 Churlinov, stellina dello Schalke 04, sugli esterni, mentre il centravanti – quando non è infortunato – è Nestorovski, oggi all’Udinese.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI