HomeNotizieAmazon si prende la Ligue 1: ottenuti i diritti domestici del campionato...

Amazon si prende la Ligue 1: ottenuti i diritti domestici del campionato francese

La Ligue 1 passa su Amazon Prime Video in Francia: nuovo storico accordo per i diritti tv domestici, che segna il sempre più deciso ingresso di Amazon nel calcio

LEGGI ANCHE: Mediapro, niente pagamenti e ora in sciopero: la Ligue 1 sull’orlo della crisi

Era il grande tema del calcio francese degli ultimi mesi: l’assegnazione dei diritti tv era considerata una decisione cruciale per il futuro del massimo campionato transalpino, dopo il clamoroso fallimento dell’accordo con Mediapro, che aveva lasciato i club senza un’importante fonte di guadagno nel delicatissimo periodo della pandemia.

Dalla prossima stagione, il torneo sarà visibile all’interno dei confini francesi anche tramite il servizio di streaming Amazon Prime Video, oltre che su Canal+, che torna a essere detentore dei diritti tv della Ligue 1.

L’accordo tra Ligue 1 e Amazon

LEGGI ANCHE: Diritti tv Champions League: ufficiale l’arrivo di Amazon. Sky e Mediaset per gli altri slot

Un accordo da 250 milioni di euro a stagione con l’azienda di Jeff Bezos, sempre più presente nel mondo del calcio europeo (trasmetterà alcune partite della prossima Champions League, la Supercoppa europea, e aveva provato a prendere parte delle partite della Serie A). A partire dalla prossima stagione, Amazon Prime Video trasmetterà in Francia 8 partite su 10 di ogni giornata, per un totale di 304 a stagione, più 8 a giornata della Ligue 2, per i cui diritti ha pagato 9 milioni di euro.

leao
Fonte Immagine: @iamrafaelleao93 (Instagram)

Un accordo importante che, per i club francesi, rappresenta però più che altro una necessaria ancora di salvezza: le previsioni della Ligue 1 erano di ottenere complessivamente 1,2 miliardi dai diritti tv domestici della prossima annata, ma il fallimento dell’accordo con Mediapro ha portato ad accettare un drastico calo dell’offerta (ai 250 milioni annui di Amazon si aggiungono i 332 che pagherà Canal+, il che significa che i guadagni sono praticamente dimezzati rispetto a quanto preventivato).

LEGGI ANCHE: Rinnovi, acquisti sbagliati, Ligue 1 che sfugge: tutti i problemi del PSG

D’altronde, la Ligue 1 sta vivendo un periodo travagliato, che sta portando a grandi cambiamenti. La pandemia ha colpito duramente i club, e diversi di essi oggi lamentano crisi economiche molto profonde, come l’Olympique Lione, il Bordeaux e addirittura i neocampioni nazionali del Lille. Per cercare di risolvere la situazione futura, si è deciso ad esempio nelle scorse settimane che dal 2023/2024 il torneo passerà da 20 a 18 squadre.

Cosa significherà l’accordo con Amazon

I vantaggi dell’accordo con Amazon richiederanno del tempo per essere compresi appieno. Il servizio di streaming del colosso americano Amazon Prime Video, è molto noto e diffuso al mondo, ma non così tanto in Francia: gli utenti transalpini, infatti, non arrivano al milione.

LEGGI ANCHE: È già iniziato lo smembramento del Lille campione di Francia

Inoltre, i tifosi ora dovranno necessariamente sottoscrivere due differenti abbonamenti per poter seguire tutto il campionato, a differenza di quanto avvenuto finora. Di buono c’è che, se Amazon non dovesse modificare la sua offerta, il costo andrebbe sensibilmente a diminuire: Mediapro prevedeva di mostrare tutta la Ligue 1 a 25 euro al mese, mentre con il nuovo player il prezzo scenderebbe a 6 euro al mese per l’80% del campionato.

mbappé
Fonte: Insidefoto

Il progetto è conveniente soprattutto per Amazon, che mette un altro piede dentro il calcio europeo, sperimentando il suo modello di streaming in uno dei cinque massimi campionati del continente. E potrebbe coinvolgere in tutto ciò anche Twitch, studiando format apposta per avvicinare i giovanissimi, spesso definiti come disinteressati al calcio, alla Lige 1.

LEGGI ANCHE: Come il Bordeaux si è ritrovato sull’orlo del fallimento

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti