HomeCalciomercatoLa Roma su Lenglet: chi è il francese che piace a Mourinho

La Roma su Lenglet: chi è il francese che piace a Mourinho

La Roma è fortemente interessata a Clement Lenglet, centrale in uscita dal Barcellona: il francese è una richiesta di Mourinho

Milan e Napoli in passato avevano chiesto informazioni, la Roma – secondo le ultime ricostruzioni di mercato – starebbe per affondare il colpo per regalarlo a Mourinho. La Serie A potrebbe essere una delle opzioni nel prossimo futuro di Clement Lenglet, che i giallorossi seguono da tempo e, in vista della prossima stagione, vorrebbero regalare allo Special One.

Il centrale francese è in uscita da Barcellona, con i blaugrana che hanno messo in vetrina diversi calciatori considerati esuberi con i quali monetizzare, e l’Italia è una destinazione affascinante, alternativa ma non troppo alla più ricca Premier League. Nei prossimi giorni la trattativa potrebbe già entrare nel vivo.

lenglet
Fonte immagine: @puntosportnews (Twitter)

Chi è Clement Lenglet

Classe 1995, originario di Beauvais, Lenglet ha cominciato a giocare a calcio da bambino in una piccola squadra della zona. A 12 anni lo acquista lo Chantilly, che a sua volta fa l’affare d’oro con la cessione al Nancy avvenuta nel 2010.

In piena adolescenza, il centrale difensivo si ritrova così a vestire i colori del club che hanno cresciuto e lanciato un ‘certo’ Michel Platini. Lassù a nord-est rimane per ben sei anni, giusto il tempo di esordire in prima squadra – giovanissimo – e di farsi apprezzare come una delle giovani proposte più interessanti della Ligue 1.

Nella stagione 2015/16 entra nella formazione tipo di France Football pur giocando in una piccola. A quel punto, il Siviglia annusa il colpo e Lenglet diventa uno degli acquisti più importanti dell’era Monchi: l’ex dirigente della Roma lo paga 5 milioni e tre anni dopo lo rivende a sette volte tanto. Un affare da capogiro.

Le difficoltà di Barcellona

I 35 milioni di euro spesi da Bartomeu convincono il giusto, perché è vero che nel triennio in Andalusia Lenglet si è confermato come uno dei centrali più forti in circolazione, ed è altrettanto giusto rimarcare come grazie a Emery si sia conquistato la nazionale francese.

Tuttavia, non ha il cosiddetto ‘nome’, non viene da un club patinato e, di fatto, il tifoso medio fa fatica a considerarlo come partner ideale di Piqué. Invece il centrale francese funziona, gioca una prima stagione di rodaggio – ma con 12 presenze in Champions League – e una seconda di ottimo livello.

L’ultima, nonostante 48 presenze complessive, lo ha invece visto imbarcarsi in diverse battute d’arresto, errori individuali e scarsa propensione di adattamento alla difesa a tre, dove ha sì giocato ma non sempre ai livelli ai quali aveva abituato i tifosi del Barcellona.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Clement Lenglet (@clement_lenglet)

Questione di bilancio

Poi vengono le questioni di soldi: con Lenglet, che calcolatrice alla mano ha un costo residuo a bilancio mediamente sostenibile per un’eventuale pretendente, si può pensare di fare cassa, e se la prima offerta della Roma da 15 milioni di euro è stata respinta non è detto che alzandola non possa sbloccarsi il tutto.

Inoltre, in difesa il Barcellona può ragionevolmente pensare di lanciare sia Mingueza che Araujo, due elementi che a Koeman piacciono parecchio. E così Lenglet si guarda attorno, consapevole di poter vagliare diverse offerte interessanti, tra le quali spunta quella giallorossa che, sul piatto, può calare la carta Mourinho.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti