Home Calcio Estero Un nipote d’arte segna per l’Italia: alla scoperta di Kelvin Yeboah

Un nipote d’arte segna per l’Italia: alla scoperta di Kelvin Yeboah

Fonte immagine: @Blaqqstar (Twitter)

Nipote del celebre Tony, Kelvin Yeboah è la novità tra le convocazioni dell’under 21 di Nicolato: chi è il ragazzo ghanese che brilla nello Sturm Graz

L’Italia under 21 riparte dopo la delusione all’ultimo Europeo di categoria e lo fa con una rosa quasi totalmente rinnovata. Tra le novità nella lista diramata dal commissario tecnico Paolo Nicolato c’è anche Kelvin Yeboah, attaccante di origine ghanese pronto a vestire per la prima volta la maglia azzurra.

Attaccante classe 2000, il ragazzo nato ad Accra ha ricevuto infatti la prima chiamata assoluta, grazie soprattutto all’ottimo lavoro di convincimento fatto dalla federazione, che ha trovato gli argomenti giusti per sottrarlo al Ghana. In attesa di capire se per lui ci sarà spazio contro Lussemburgo, è interessante tutto ciò che gli gira intorno. In primis, la sua storia personale.

Kelvin Yeboah, il nipote d’arte col gol nel sangue

Accra gli ha dato i natali, ma è l’Italia che lo ha cresciuto e sgrezzato, umanamente e calcisticamente. Arrivato assieme alla famiglia alla ricerca di un futuro migliore, Yeboah si è dapprima stabilito in Piemonte e poi in Lombardia.

Da adolescente, grazie all’influenza dello zio Tony – attaccante di grande esperienza della nazionale ghanese, ma famoso soprattutto per aver giocato in Premier League e Bundesliga -, si trasferisce a Londra, dove entra a far parte dell’academy del West Ham.

Rientrato in Italia dopo qualche anno ha sostenuto, di lì a poco, un provino con i danesi dell’Aalborg. Scartato, è stato quindi piazzato in Austria, dove per due anni ha giocato nel WSG Swarovski Tirol, nelle vicinanze di Innsbruck.

Il passaggio allo Sturm Graz

La prima vera svolta, dopo tanto girovagare e sacrifici che hanno portato la famiglia a impegnare tutte le energie su di lui, arriva però durante lo scorso mese di febbraio: lo Sturm Graz, squadra di vertice della Bundesliga austriaca, decide di acquistarlo e l’impatto in maglia bianconera è di ottimo livello.

A oggi, infatti, Kelvin Yeboah viaggia a una media di una rete ogni circa due partite, numeri importanti per un talento precoce, capace di esordire molto presto nel professionismo, ma pur sempre un fresco 21enne con ancora tanta strada davanti.

Questi risultati hanno convinto la FIGC a infittire i colloqui con la famiglia del ragazzo – una curiosità: per molti anni si è creduto che Kelvin fosse il figlio di Tony, non il nipote – che, di recente, hanno dato il loro assenso alla scelta, confermando un legame molto profondo tramite il quale le scelte vengono sempre condivise.

Kelvin Yeboah, caratteristiche tecniche e ruolo

Attaccante fisicamente potente nonostante una struttura fisica tutt’altro che imponente, Yeboah impressiona particolarmente quando si ritaglia uno spazio per partire in progressione, aggredendo gli spazi con accelerazioni ficcanti ed efficaci.

È un attaccante che ama svariare, per questo spesso viene affiancato a un’altra punta con la quale duettare. Sotto porta è migliorato parecchio, come dimostrano i suoi numeri con lo Sturm Graz, mentre per quanto riguarda il gioco aereo e l’uso del piede debole deve ancora sgrezzarsi.

“Da ragazzo ero molto piccolo – ha raccontato – Londra mi ha aiutato per imparare altri stili di gioco, mentre in Italia mi sono affinato tatticamente. Ora so gestire meglio le energie e le situazioni di gioco: questo, in Austria, mi è servito per avere subito un impatto immediato”. Lo stesso che, adesso, Nicolato si augura per l’under 21.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Exit mobile version