Allegri dopo Juve-Milan: quando l’autocritica non basta

Massimiliano Allegri torna a far parlare di se per le dichiarazioni post Juventus-Milan: questa volta il mirino è puntato sui giovani

Il ritorno di Massimiliano Allegri in Serie A ha aperto scenari facilmente preventivabili, nella critica quotidiana tra tifosi juventini e nella narrazione da parte dei media. D’altronde, il personaggio è da sempre stato molto, molto divisivo.

LEGGI ANCHE: Sulla panchina ritorna Allegri: come giocherà la Juventus?

Lo fu nella sua prima esperienza alla Juventus, soprattutto nel post Cardiff, e a maggior ragione lo è rimasto oggi, richiamato al capezzale di una squadra ferita dopo l’ultima, deludente stagione.

champions league
Massimiliano Allegri of Juventus
Torino 6-05-2018 Allianz Stadium Football Serie A 2018/2019 Juventus – Milan
photo Daniele Buffa / Image Sport / Insidefoto

Juventus, l’inizio dell’Allegri 2.0

La curiosità sull’impatto che avrebbe avuto Allegri una volta rientrato nella sua comfort zone era infatti molto forte. A tal punto che, paradossalmente, forse spesso ci si è fossilizzati sulle questioni extra campo, parlando troppo poco di calcio giocato.

LEGGI ANCHE: Tutti gli acquisti della Juventus della stagione 2021/22

Chiariamolo subito, questi binari di discussione sono quelli prediletti dal tecnico toscano, che già in passato aveva palesato un certo fastidio nel parlare di questioni di campo. Un atteggiamento che non paga, soprattutto quando poi i risultati ti smentiscono.

LEGGI ANCHE: Girone Juventus in Champions League: avversarie e calendario

L’inizio di stagione della Juventus è infatti stato disastroso: solo due punti fatti, frutto di due pareggi e altrettante sconfitte, al fronte di una vittoria importante in Champions League, ma pur sempre contro il Malmo. Dopo il big match col Milan, Allegri ha quindi deciso di dare nuovamente spettacolo davanti alle telecamere.

Allegri e la gestione delle partite

Max ha rimarcato, pur non utilizzando parole specifiche, come il calcio conservativo sia ancora oggi un suo vero e proprio marchio di fabbrica, specificando di avere colpe soprattutto sui cambi (non) fatti contro i rossoneri.

LEGGI ANCHE: Stipendi Juventus, quanto vale il monte ingaggi dei bianconeri

“Avrei dovuto fare scelte più difensive” ha detto, chiarendo la frustrazione per aver pareggiato contro un Milan che, fino all’1-1, a suo dire era stato inferiore, parlando di partita in cassaforte fino all’azione del pareggio.

Al di là del fatto che un 1-0 non può mai essere considerato risultato da ‘cassaforte’, sembra proprio che Allegri abbia sposato un personaggio e che reciti una parte per partito preso. Già nel 2018, quando litigò in diretta tv con Adani, aveva fatto capire di non essere interessato ad approfondire certi aspetti inerenti al gioco.

LEGGI ANCHE: Juventus, come cambia il centrocampo con Locatelli

Il campo, però, richiede analisi e attenzione, tanto è vero che lui stesso – durante la partita contro il Milan – più volte ha chiamato a voce gli schemi per comunicare alla squadra la disposizione in campo. Il calcio è semplice, dice, ma non è matematica, dato che ci sono molteplici strade per perseguire un obiettivo.

napoli-juventus
Fonte immagine: InsideFoto

Allegri e i giovani

Dopo la conferenza stampa del neo direttore sportivo Federico Cherubini, che spergiurava come il nuovo corso bianconero fosse in primis improntato sull’acquisto e sulla conseguente valorizzazione dei giovani, Allegri ha deciso – di fatto – di sconfessare tali parole.

LEGGI ANCHE: Serie A, infortunati e squalificati: la tabella

Infatti, nella settimana che ha portato a Juventus-Milan, il livornese ha prima catechizzato Mathjis de Ligt, facendo intendere che secondo lui non è pronto per fare il titolare, e poi ha bacchettato Federico Chiesa: “Deve capire che gioca per la Juventus, serve consapevolezza”.

Quando Allegri parla di consapevolezza, però, non tiene conto di diversi fattori, in primis legati ai numeri che lui tanto odia: de Ligt è stato il più giovane capitano della storia dell’Ajax e della nazionale olandese, Chiesa ha quasi 24 anni e quindi non è più giovane, ovviamente in senso lato.

LEGGI ANCHE: Biglietti partite Serie A: come, dove e regole per acquistarli

Peraltro, mentre l’azzurro tra club e Nazionale porta in dote circa 250 presenze, va specificato come lo scaricabarile sui giovani non solo sia controproducente, ma anche una visione parziale della realtà dato che contro il Milan la Juventus ha giocato per lunghi tratti con una squadra da circa 29 anni di media.

allegri
Fonte Immagine: @mrallegri (Instagram)

Una strategia di difesa

Un’altra chiave interpretativa delle recenti uscite di Allegri potrebbe essere quella che vedrebbe il tecnico spostare l’attenzione dai risultati, che giustamente indispettiscono il tifoso juventino, facendo concentrare l’opinione pubblica su altro.

Anni fa anche José Mourinho, in tempi di crisi, utilizzava questa strategia, che però nel caso della Juventus passa dal mettere sotto processo alcuni giocatori tra i più positivi del recente passato. Guardare avanti‘live ahead’, il nuovo slogan bianconero – non può essere, appunto, solo un motto vuoto.

Serve altro, soprattutto se ci si vuole scollare quell’etichetta di amore riciclato tra le parti che, di fatto, si sono ritrovate perché entrambe non avevano alternative. Le analogie col 2018 non sono poche, a parte che Cristiano Ronaldo non c’è più, e la società dovrebbe cogliere il campanello d’allarme per poi agire di conseguenza. Per fortuna, siamo solo a inizio stagione.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Juventus (@juventus)

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!