Ryan Gravenberch è pronto per il grande salto in una big d’Europa

Ryan Gravenberch, centrocampista olandese classe 2002, potrebbe lasciare l’Olanda in estate viste le tantissime pretendenti decise a strapparlo all’Ajax

Nella partita di Europa League tra Ajax e Roma, valida per l’andata dei quarti di finale, l’osservato speciale era senza dubbio Ryan Gravenberch. Il centrocampista olandese è uno degli astri nascenti del calcio mondiale e, la prossima estate, potrebbe lasciare i Lancieri per provare il definitivo salto in alto.

LEGGI ANCHE: Partite di oggi in tv: a che ora e dove vedere

Un salto che, anagraficamente parlando, sarebbe precoce, ma ormai da due stagioni Gravenberch è assoluto protagonista in quel di Amsterdam. Ergo, è pronto per partire. Sul come e, soprattutto, sulla meta finale vanno però fatte delle valutazioni più ampie, perché un centrocampista con le sue caratteristiche può far comodo a tantissimi club.

LEGGI ANCHE: Dove vedere Juventus-Genoa in tv e streaming

Ovviamente top, parametrati alle prospettive di un ragazzo che come agente ha scelto da tempo Mino Raiola e, di conseguenza, tutto ciò che ne deriva. I rapporti con l’Ajax sono solidi, ma la dirigenza sa comunque di poterlo perdere a fine stagione nonostante un contratto fino al 2023.

gravenberch
Fonte: Instagram @ryanjiro_

Gravenberch, orizzonte Premier League

Il classe 2002 olandese piace in maniera trasversale a mezza Premier League e, d’altronde, con i mezzi fisici che possiede nel massimo campionato inglese potrebbe davvero fare grandi cose. In passato hanno chiesto informazioni Arsenal e Liverpool, ma al tavolo delle trattative potrebbero sedersi anche i due club di Manchester e il Chelsea, soprattutto se i Blues dovessero centrare la qualificazione alla prossima Champions League.

LEGGI ANCHE: Dove vedere Inter-Cagliari in tv e streaming

La valutazione di Gravenberch è abbastanza alta – un anno fa veniva accostato alla Roma per oltre 10 milioni di euro, ma oggi il prezzo sarebbe più che raddoppiato – e ovviamente al di là della Manica hanno una potenza economica difficilmente pareggiabile. In ogni caso, il 18enne nato ad Amsterdam dovrà essere lucido nello scegliere il contesto giusto per inserirsi al meglio in un campionato top, decisamente differente dall’Eredivisie.

Bayern e PSG, le variabili

Un’altra società che ha chiesto informazioni in passato per Gravenberch è il Bayern Monaco, probabilmente la destinazione più stuzzicante se consideriamo che, come profilo, l’olandese sarebbe perfetto per le strategie sportive ed economiche del club bavarese. Il Bayern preferisce investire tanto su ragazzi da formare, o comunque già pronti per dare il proprio contributo ma tassativamente giovani.

LEGGI ANCHE: Atalanta-Ajax, la vetrina di Gravenberch: la Juventus osserva interessata

L’unico ostacolo potrebbe essere di natura tattica, visto che il Bayern Monaco gioca con un centrocampo a due e Gravenberch, all’Ajax, si muove preferibilmente come mezzala sinistra. Lo stesso ragionamento vale per il PSG, che in estate si rinnoverà parecchio soprattutto in mezzo al campo. I francesi in passato hanno pescato molto bene in quella zona e, nonostante non ci siano particolari rapporti con Raiola, Parigi potrebbe essere una destinazione gradita.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ryan Gravenberch (@ryanjiro_)

E l’Italia?

La Serie A sarebbe un campionato che avrebbe un gran bisogno di importare talento giovane alla Gravenberch, ma difficilmente il centrocampista dell’Ajax – qualora lasciasse Amsterdam – approderebbe in Italia. Peraltro, Juventus e Inter a parte, non ci sono destinazioni in grado di stuzzicare Raiola a tal punto da affidargli uno dei talenti più futuribili della propria scuderia.

LEGGI ANCHE: Brian Brobbey, l’opale dell’Ajax

I bianconeri, che con il plenipotenziario agente hanno un asse da sempre produttivo, magari proveranno ad aprire qualche discorso, mentre i nerazzurri – che in quel ruolo al momento utilizzano Eriksen – non si sono mai interessati all’articolo. L’impressione, appunto, è che comunque i nostri club evitino di andare allo scontro con le big d’Europa, nonostante il precedente felice di de Ligt alla Juventus. E, nel caso di Gravenberch, sarebbe veramente un peccato.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!