gravenberch
Fonte: Instagram @ryanjiro_

Ryan Gravenberch è uno dei talenti olandesi in rampa di lancio: classe 2002, è cresciuto nell’Ajax e, di recente, è stato accostato a Juventus e Barcellona

La seconda giornata della fase a gruppi di Champions League propone un interessantissimo Atalanta – Ajax. A Bergamo, dove da anni si coccolano il miglior settore giovanile d’Italia, arriva una squadra che della produzione autoctona di talento ha fatto il proprio fiore all’occhiello. L’occasione per vedere in campo tanti giovani, quindi, sarà ghiotta.

INFORTUNIO PEZZELLA, QUANDO RIENTRA E TEMPI DI RECUPERO

E, per qualche club, anche propedeutica per imbastire manovre di mercato future. Secondo la stampa spagnola, infatti, Juventus e Barcellona sarebbero fortemente interessate a Ryan Gravenberch, centrocampista olandese che, nelle ultime due stagioni, è stato protagonista di un’ascesa continua e importante. A tal punto, ovviamente, da attirare su di sé i radar di tutti i maggiori club europei.

INFORTUNIO DE ROON, QUANDO RIENTRA E TEMPI DI RECUPERO

Ryan Gravenberch, l’ultima pepita di casa Ajax

Gravenberch dovrebbe partire titolare nel 4-3-3 disegnato dal tecnico ten Hag, che dal suo arrivo in quel di Amsterdam ha lanciato diversi profili interessanti. D’altronde, dopo aver sfiorato la finale di Champions League due anni fa, l’Ajax è stata quasi costretta a rinnovarsi. Gravenberch fa parte della generazione successiva ai de Ligt, de Jong e van de Beek, col quale ha legato molto lo scorso anno condividendo non solo esperienze di campo, ma anche di vita.

INFORTUNIO SMALLING, QUANDO RIENTRA E TEMPI DI RECUPERO

La partenza di quest’ultimo ha lanciato definitivamente Gravenberch al centro della manovra dell’Ajax. Il centrocampista olandese, tra i più precoci degli ultimi anni ad affermarsi, partirà come interno destro di centrocampo, ma le sue caratteristiche – come ampiamente dimostrato nell’ultima stagione – gli permettono di essere efficace in entrambe le fasi di gioco. Per ten Hag è un’opzione importante: “Ho tante soluzioni in mezzo – ha detto di recente – Gravenberch lo tengo molto in considerazione”.

FLUMINENSE E L’INCUBO LDU: LA MALEDIZIONE DELL’ALTURA

Record da predestinato

Ryan Gravenberch è stato il giocatore più giovane a esordire in prima squadra. Il 23 settembre 2018, sul campo del PSV, ha messo i piedi in campo a esattamente 16 anni e 130 giorni. Per lui, che quel giorno ha assistito quasi impotente al 3-0 finale in favore degli avversari, quella è una data da sottolineare col pennarello rosso. Il resto è venuto da sé: prima qualche presenza centellinata, poi il primo incontro disputato da titolare un anno dopo, contro l’ADO Den Haag.

THEO ZAGORAKIS: C’ERA UNA VOLTA LA GRECIA CAMPIONE D’EUROPA

Infine, il definitivo inserimento nel gruppo dei grandi. Un successo, soprattutto per un ragazzo nato nei sobborghi di Amsterdam e discendente di una famiglia di surinamesi immigrati. Classe 2002, a 8 anni è entrato nel vivaio dell’Ajax, seguendo le orme del fratello maggiore Danzell (ex campione under 17, oggi allo Sparta Rotterdam). Ma, rispetto al suo riferimento, ha avuto decisamente più fortuna. Il rapporto molto forte con la famiglia lo ha aiutato a formarsi. Il resto, invece, lo ha fatto da solo.

IL CALCIO DI OGGI IN TV E STREAMING: DOVE E A CHE ORA GUARDARLO

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Good job, boys! +3! 🙏🏾

Un post condiviso da Ryan Gravenberch (@ryanjiro_) in data:

Chi è Ryan Gravenberch, l’obiettivo di mercato di Juventus e Barcellona

Il suo fisico statuario ha portato gli addetti ai lavori a paragonarlo a Paul Pogba. Lui, semplicemente, con il francese ha deciso di condividere il procuratore, affidandosi a Mino Raiola. Per il resto, il suo è un profilo abbastanza completo: alto 190 centimetri, partecipa attivamente alla fase offensiva con inserimenti senza palla ma, contestualmente, si spende per la squadra quando c’è da lottare. Deve trovare solo un po’ di continuità, ma ci si può lavorare.

ABBIAMO RITROVATO OKAKA?

Destro naturale, abbina una tenuta fisica top a doti atletiche e dinamiche di primissimo ordine. The Hag lo dosa – a oggi, Gravenberch ha messo insieme solo 19 apparizioni con l’Ajax -, ma sa di avere tra le mani una pepita d’oro. Che, ovviamente, i Lancieri non intendono regalare, visto anche il recente prolungamento di contratto firmato fino al 2023. Per portarlo via da Amsterdam, la sua casa, serviranno tanti soldi. Ma, nonostante ciò, il salto a breve in una grande sembra ormai scontato.

RASTELLI SU CASTROVILLI: “CI FARÀ DIVERTIRE”

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Happy with the great victory! 💪🏾 qualified for the #euro2021 🦁

Un post condiviso da Ryan Gravenberch (@ryanjiro_) in data:

Per restare sempre aggiornati, seguici su InstagramFacebookYoutube e Twitter