Giovani e gioco moderno, la rinascita della Dinamo Mosca

La Dinamo Mosca è uno dei club storici di Russia, quello del mitico Lev Yashin, ma da anni è ai margini. Quest’anno, però, le cose stanno andando diversamente, grazie a giovani e pianificazione.

Leggi anche | Russia, quali sono le squadre più famose?

Gli anni in purgatorio sono forse sul punto di finire: la Dinamo Mosca sta vivendo un inizio di stagione sorprendente, se paragonato a quelli degli ultimi anni, che attualmente pone i biancazzurri in seconda posizione dietro alla corazzata Zenit, da affrontare quest’oggi a San Pietroburgo.

La resurrezione del club moscovita passa da un progetto costruito sui giovani cresciuti nel vivaio locale e, contrariamente a quanto fanno le altre società russe, nessun grosso investimento in stelle straniere. Tutto agli ordini del 43enne Sandro Schwarz, esponente della nuova scuola tedesca, che vuole provare a ribaltare le gerarchie della Prem’er-Liga.

Dal glorioso passato alle promesse del presente

Leggi anche | Stipendi Zenit, quanto vale il monte ingaggi dei russi

11 scudetti messi in bacheca ai tempi dell’Unione Sovietica – di cui gran parte all’epoca di Lev Yashin, il leggendario portiere premiato col Pallone d’Oro nel 1963 – ma nessuno post-caduta del Muro di Berlino. Alla Dinamo Mosca la vittoria dal campionato sfugge dal 1976, e il trofeo più recente è la Coppa di Russia conquistata nel 1995.

Una crisi peggiorata aggravatasi cinque anni fa, dopo tre quarti posti e una finale di coppa nazionale: la rosa fu smantellata e la squadra retrocesse per la prima volta nella sua storia. Immediato il ritorno alla massima serie, ma i risultati sono rimasti lontani dai fasti del passato, almeno fino al 2019.

Leggi anche | Chi è Alexsandr Sobolev, gol e riscatto per la Russia a Euro 2021

Nei primi mesi dell’anno, la Dinamo Mosca è infatti stata acquistata dalla VTB Bank, una delle banche d’affari più ricche e potenti al mondo, che da lì in avanti ha investito molto sul mercato. Il primo colpo è stato, nell’estate 2019, quello di Maximillian Phillip dal Borussia Dortmund per 20 milioni di euro, ma il tedesco è durato solo un anno prima di tornare in Bundesliga.

Le prime due stagioni della gestione VTB Bank sono state poco soddisfacenti (un sesto e un settimo posto), ma hanno confermato le ambizioni di un club dalle ampie potenzialità di spesa. Nell’ottobre 2020 la Dinamo Mosca ha deciso di affidarsi alle cure di un allenatore giovane e moderno come Sandro Schwarz, avviando un nuovo progetto che sta già dando i suoi frutti.

Iscriviti al nostro canale YOUTUBE

La scuola Klopp alla Dinamo Mosca

Leggi anche | Sheriff Tiraspol in Champions: il club dello Stato che non c’è

Gegenpressing e gioco verticale, Schwarz ha importato a Mosca la scuola tedesca. E chi meglio di lui, d’altronde? L’allenatore classe 1978 è maturato giocando agli ordini di Jurgen Klopp al Mainz, e successivamente ha lavorato un anno sotto Jurgen Gelsdorf (attuale responsabile delle giovanili del Bayer Leverkusen, l’uomo che ha cresciuto Havertz e Wirtz) al Rot-Weiss Essen.

dinamo mosca
Fonte: fcdynamo (Instagram)

Nel 2017 è divenuto allenatore della prima squadra del Mainz, riuscendo a ottenere due comode salvezze pur allenando una squadra dall’età media molto bassa. Tra i suoi meriti, quello di aver lanciato giocatori come Florian Muller, Abdou Diallo e Ridle Baku.

Leggi anche | Alla scoperta del FK Sochi, il club emergente del calcio russo

Alla Dinamo Mosca gli è stato chiesto di fare sostanzialmente la stessa cosa: consacrare le giovani promesse del club e rinnovare il gioco dei biancazzurri. Sotto la sua gestione, i tifosi hanno finalmente iniziato a vedere splendere il talento del croato Nikola Moro e quello del polacco Sebastian Szymanski.

Ma soprattutto, Schwarz ha lanciato quelli che oggi sono due tra i maggiori prospetti in assoluto del calcio russo: Arsen Zakharyan e Konstantin Tyukavin. Il primo ala destra, il secondo centravanti; l’allenatore ex-Mainz li ha fatti esordire nei primi mesi dei 2021, e presto hanno conquistato il posto da titolare. Oggi sono intoccabili, e se Tyukavin ha già segnato 6 gol in 14 partite, Zakharyan è addirittura miglior assistman del campionato.

La corsa della Dinamo Mosca

Leggi anche | Stipendi Spartak Mosca: quanto vale il monte ingaggi russo

Il campionato è ancora lungo, e strappare il titolo allo Zenit resta un’impresa proibitiva per tutti. Ma per la Dinamo sarebbe già importante riuscire a difendere il secondo posto, che sarebbe il miglior piazzamento dal 1994 e garantirebbe l’accesso alla prossima Champions League.

dinamo mosca
Fonte: fcdynamo (Instagram)

La strada è quella buona: in queste prime dodici partite, i biancazzurri sono riusciti a mettersi davanti alle altre squadre moscovite (vittoria sul CSKA, pareggio con Lokomotiv e Spartak). Schwarz attende anche il ritorno di una pedina importante come l’ex-milanista Diego Laxalt, infortunatosi a settembre e di rientro in squadra solo nel corso del prossimo mese.

Leggi anche | Stipendi Lokomotiv Mosca: quanto vale il monte ingaggi russo

Il calendario adesso mette la Dinamo Mosca davanti a un momento cruciale, con la sfida odierna contro la capolista Zenit e, il 6 novembre, contro la quinta Krasnodar. Il campionato russo racchiude al momento le prime sei in soli cinque punti: nessuna partita è da sottovalutare.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI