HomeCalcio EsteroChi è Alexsandr Sobolev, gol e riscatto per la Russia a Euro...

Chi è Alexsandr Sobolev, gol e riscatto per la Russia a Euro 2021

La Russia a Euro 2021 vanta tra i suoi attaccanti Alexandr Sobolev, bomber dello Spartak Mosca che ha dovuto superare molti ostacoli per arrivare ai massimi livelli

Gli Europei 2021 stanno per cominciare, portando in dote un concentrato di giocatori e di conseguenza di storie da raccontare. Una delle più toccanti è senza dubbio quella di Alexandr Sobolev, attaccante dello Spartak Mosca. Un giocatore che arriva alla rassegna continentale dopo numerose difficoltà, sia calcistiche che personali, che rendono questo traguardo ancora più importante.

LEGGI ANCHE: Le guide ai gironi degli Europei 2021: squadre, calendario e partite

Gli inizi di Sobolev a Barnaul, sognando l’idolo Smertin

Sobolev nasce il 7 marzo 1997 a Barnaul, a sud della Siberia occidentale. Si tratta di una zona più famosa il clima rigido che per la sua tradizione calcistica, con il club locale che da sempre milita nelle serie inferiori russe. Questa città ha però dato i natali a Alexey Smertin, capitano della Nazionale nei primi anni 2000 e giocatore che tra le altre ha vestito le maglie di Chelsea, Bordeaux e Fulham. Proprio Smertin è l’idolo d’infanzia di Sobolev, che spera di emularne la carriera emergendo come lui da un contesto calcistico non semplice.

Sobolev
Fonte: Instagram (@a.sobolev97)

I primi calci al pallone li dà per le strade di Barnaul, dove la povertà imperversa e dove bisogna crescere in fretta per guadagnarsi il rispetto degli altri. Gli inizi non sono facili, nella seconda squadra della Dinamo Barnaul: un club che non gli dà la visibilità necessaria per entrare fin da primi anni di carriera nelle nazionali giovanili russe.

LEGGI ANCHE: Quali sono i calciatori più giovani degli Europei 2021

Sobolev comunque non smette di credere nel suo sogno, superando ogni ostacolo con la determinazione che mette in area avversaria. Nel 2016 va al Tom’ Tomsk per un provino, ma rimedia subito un infortunio che mette a rischio questo possibile salto di qualità. Il ragazzo non demorde, dando il massimo nella prima amichevole dopo il ritorno in campo e convincendo il club ad ingaggiarlo.

LEGGI ANCHE: Rigoristi Europei 2021: gli specialisti di ogni Nazionale

Un nuovo problema viene fuori al momento della firma. Il Tom’ Tomsk vuole comprare a “parametro zero” l’attaccante, che invece è ancora sotto contratto con la Dinamo Barnaul. Pur di assecondare la passione del figlio, i genitori di Sobolev chiedono prestiti ad amici per “comprare” il suo cartellino per 200.000 rubli. Sarà poi il giocatore a ripagare il debito quando firmerà il primo contratto importante.

LEGGI ANCHE: Euro 1968, il trionfo dell’Italia e quella monetine decisiva

Alti e bassi, a livello calcistico e personale

Sobolev ha finalmente l’opportunità di farsi notare ad alto livello, partendo con la seconda squadra del Tom’ Tomsk per poi esordire nella Premier League russa il 5 dicembre 2016. Il club a fine anno retrocede, ma l’attaccante si guadagna la conferma avendo segnato 3 gol in 12 partite. L’anno successivo è tra i giocatori più importanti, a tal punto da conquistarsi le attenzioni del Kylya Sovetov Samara dove va a giocare nel gennaio 2018.

LEGGI ANCHE: Stadi Europei 2021: tutti gli impianti 

L’impatto con la sua nuova squadra e molto importante, così come le cifre alle quali viene rinnovato il suo contratto già dopo qualche mese di militanza. Un traguardo che, invece di spingere Sobolev a dare ancora di più, fa sì che si “monti la testa” pensando ad essere già arrivato. Ci vogliono sei mesi in prestito allo Yenisey Krasnoyarsk nella stagione 2018/19, peer far capire all’attaccante che solo con lavoro e dedizione possono arrivare i risultati.

Dal lutto familiare alla conquista di Euro 2021

All’inizio della stagione 2019/20 è di nuovo nelle file del Kylya Sovetov, tornato nella Serie A russa. Il suo impatto è devastante, con 10 gol nelle prime 12 gare. Le sue doti realizzative sono ormai note a tutti e in particolare ai dirigenti dello Spartak Mosca, che lo ingaggia nel corso del mercato invernale.

LEGGI ANCHE: Berardi o Chiesa: chi è l’esterno ideale per l’Italia?

Sobolev si guadagna la conferma in uno dei più importanti club del paese, ma nell’estate del 2020 un evento sconvolge la vita dell’attaccante. Sua madre, che l’ha sempre spronato a perseguire il suo sogno, muore all’età di 46 anni. Sobolev ne onora la memoria con la cosa che sa fare meglio ovvero il gol. Nella sfida tra Spartak Mosca e Sochi, dopo aver segnato, mostra un ritratto della madre sotto la maglia da gioco e scoppia in lacrime.

Questo lutto porta l’attaccante a giocare con ancora più determinazione, affermandosi come il bomber assoluto dello Spartak Mosca. Lo stesso non si può dire in Nazionale, dove i rapporti con il capitano Artem Dzyuba non sono idilliaci. Sobolev affronta il problema a viso aperto, come ha sempre fatto in carriera. Decide infatti di chiamare Dzyuba, chiarendo ogni possibile dissapore e guadagnando – soprattutto grazie alle sue prestazioni -sempre più spazio in Nazionale.

LEGGI ANCHE: Storie degli Europei: la Danimarca del 1992 e la tragica vittoria di Kim Vilfort

Dopo aver realizzato 14 gol in 22 gare con lo Spartak Mosca e ben figurato in Nazionale, Sobolev è stato inserito nella lista per Euro 2021. Un punto di arrivo ma anche di partenza, per un giocatore dalla storia complicata e affascinante al tempo stesso.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Avatar
Paolo Lora Lamia
Classe ’92, ho la vocazione del giornalismo sportivo fin dall’adolescenza. Adoro il calcio, la sua storia e una narrazione sportiva tesa ad emozionare più che a creare polemiche. Giornalista pubblicista dal 2019, cofondatore di Mondoprimavera.com, collaboratore presso Gruppo GEDI e La Giovane Italia e opinionista sportivo per Toscana TV. Ho un debole per il calcio inglese (e per il Liverpool in particolare).

Articoli recenti