HomeSerie ALa questione meridionale del calcio: la crisi delle squadre del Sud

La questione meridionale del calcio: la crisi delle squadre del Sud

Le squadre del Sud continuano a vivere un periodo di crisi di risultati abbastanza evidente: esiste una questione meridionale anche nel calcio?

LEGGI ANCHE: Forte, giovane e low cost: il Napoli cerca Becir Omeragic

Dice Oreste Vigorito, presidente del Benevento, che Mazzoleni “è messo lì sempre per ammazzare le squadre del Sud“. Senza giudicare nel merito questa ennesima ipotesi di complotto del calcio italiano, bisogna riconoscere che il problema delle squadre del Sud non è una novità, e ovviamente non dipende solo da un arbitro.

La questione meridionale non è un fatto esclusivamente politico, ma anche economico, e pertanto si riverbera pure sul calcio, con risultati che purtroppo sono sotto gli occhi di tutti. I club del Sud sono sempre una minoranza in Serie A, e spesso sono tra quelli meno competitivi.

Un problema storico

LEGGI ANCHE: Godin: addio Cagliari. In due anni, da campione a ingombro

La storia del calcio italiano parla abbastanza chiaro: solo 14 squadre del Sud hanno preso parte ad almeno un campionato di Serie A, e solo una (il Napoli) è nella top 10 dei club più presenti. Inoltre, solamente due di loro sono riuscite a conquistare uno scudetto, ovvero Napoli e Cagliari.

E proprio quest’ultimo caso è abbastanza significativo, perché dietro al titolo nazionale dei sardi del 1970 ci sono soldi che sardi non erano, ma arrivavano direttamente dalle aziende di Angelo Moratti, un imprenditore del Nord. Come è del resto il milanese Tommaso Giulini, proprietario del Cagliari dal 2014. O come Maurizio Zamparini, imprenditore friulano che fu l’artefice del grande Palermo degli anni Duemila. E la Salernitana, appena tornata in Serie A, è notoriamente controllata dal laziale Claudio Lotito.

LEGGI ANCHE: Salernitana, continua il braccio di ferro tra Lotito e la FIGC

Già nel 2014, Termometro Politico denunciava la crisi delle squadre del Sud, dopo che nella stagione 2010/2011 si era raggiunto il record di ben sei club meridionali in Serie A. In questa stagione ne abbiamo avuti quattro, ma il Crotone e Benevento sono entrambi retrocessi, e il Cagliari ha lottato a lungo per salvarsi.

La crisi delle squadre del Sud

La Salernitana colmerà solo uno dei due posti lasciati liberi nella massima serie, e quindi nella prossima annata di A avremo un ulteriore calo delle squadre del Sud. Ai playoff di Serie B è stato ammesso un solo club meridionale, il Lecce, eliminato in semifinale dal Venezia, ma nel frattempo il Cosenza è sceso in Serie C, dove però quest’anno ha già sancito la retrocessione in D della Cavese, con il record negativo di punti tra i tre gironi (23 in 36 partite, peggio sia di Livorno che di Arezzo) e il fallimento del Trapani, incapace addirittura di iniziare la stagione.

LEGGI ANCHE: L’Unità Anticorruzione contro l’Udinese: “Lasceremo la Dacia Arena”

Tra i circa 150 club falliti negli ultimi vent’anni, oltre un terzo sono squadre del Sud, anche abbastanza importanti come Napoli, Bari, Foggia, Reggina e Palermo. La disparità economica, e di conseguenza di risultati, risulta ancora più evidente se confrontiamo il meridione con una regione del Nord molto piccola come la Liguria, che in questa stagione ha avuto tre club in A e uno in B.

Le ragioni economiche e tecniche

Come già accennato in precedenza, il problema è innanzitutto di natura economica: al Sud ci sono imprenditori meno ricchi rispetto al Nord, e in generale le realtà locali non riescono a attrarre grandi investimenti dall’estero (come invece è riuscito allo Spezia, per fare un esempio).

LEGGI ANCHE: Nuova proprietà allo Spezia: arriva la famiglia americana Platek

I casi di Crotone e Benevento in questa stagione, ma anche del Lecce nella scorsa, sono emblematici: fin da subito, le rose non sono sembrate all’altezza della categoria e non sono bastate le ottime prove a livello di gioco o i gol della rivelazione Simy per riuscire a garantire la permanenza in A. Lo stesso Cagliari, che grazie a una più ricca proprietà settentrionale è riuscito ad allestire una squadra migliore (Godin, Nandez, Rugani, Nainggolan), ha trascorso tutta la stagione nelle parti basse della classifica.

Queste difficoltà si ritrovano anche nella produzione dei talenti. Nel giro della Nazionale di Mancini ci sono solamente sei giocatori meridionali, di cui la metà campani (Insigne, Immobile e Mandragora); e se guardiamo all’Under-21, i giocatori del Sud spariscono del tutto. Anche questo è sintomo di una crisi i cui fattori sono interconnessi: l’instabilità economica impedisce la progettazione e quindi anche lo sviluppo dei talenti, che cercano di occasioni per emergere altrove, in contesti meno problematici.

LEGGI ANCHE: I calciatori di Euro 2020 passati dal Torneo di Viareggio: Intervista a Simone Pierotti

Non è un caso che il principale talento del Sud che abbiamo oggi, Lorenzo Insigne, sia entrato nel settore giovanile del Napoli subito dopo l’acquisto da parte di De Laurentiis, cioè di un proprietario con disponibilità economica e ambizioni. Mentre, per contro, Castrovilli ha lasciato il Bari nel 2016, nel breve periodo tra il primo e il secondo fallimento dei pugliesi.

Infortunio Insigne Inter-Napoli Genoa
Infortunio Insigne Napoli Genoa FOTO Twitter SSC Napoli

Una soluzione sostenibile e duratura per la crisi delle squadre del Sud, oggi, non può limitarsi allo sport, però, e deve coinvolgere riforme politiche e sociali più ampie, che agiscano sul territorio prima che nei campi da calcio. Solo che, al momento, nulla di tutto questo pare in vista.

LEGGI ANCHE: Perché Donnarumma non avrà il numero 99 al Paris Saint-Germain

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti

Ricevi i nostri articoli su Telegram