Dove eravamo rimasti con il trust della Salernitana?

Cessione Salernitana, altro rinvio: in una nota firmata dai rappresentanti del trust viene confermata una ulteriore proroga per mancanza di garanzie

Il trust per la cessione della Salernitana ottiene un’altra proroga. È questa la novità delle ultime ore per quanto riguarda il passaggio di proprietà del club campano dalle mani della famiglia Lotito-Mezzaroma a quella che, sulla carta, dovrebbe essere una nuova società completamente distaccata dalla precedente.

Cos’è un trust: la strategia della Salernitana per la Serie A

In una nota congiunta rilasciata dalla Melior Trust e della Widar Trust, le due società incaricate di fare da intermediario al passaggio societario, viene infatti specificato come a oggi non ci siano ancora le condizioni perché questo avvenga. E, così, la FIGC ha prolungato la deadline fino al prossimo 5 dicembre.

ribery
fonte immagine: profilo Ig @franckribery7

Cessione Salernitana, serve un’accelerata

Il punto di interruzione è ben specificato nel comunicato: al momento ci sono offerte concrete, ma che non soddisfano. Tra le cause che hanno portato alla mancata accettazione delle offerte c’è anche la “mancanza della documentazione necessaria alla verifica dei requisiti di indipendenza imposti dall’atto di trust”.

Tutti gli acquisti della Salernitana della stagione 2021/2022

Insomma, la situazione è ancora in fase di stallo a mesi dal giorno in cui si sarebbe dovuto risolvere. Il problema però rimane, perché se la cessione della Salernitana non dovesse essere perfezionata entro fine anni, il club rischierebbe pesanti sanzioni, fino all’esclusione dall’attuale campionato.

Stipendi Salernitana
Fonte Immagine: @ussalernitana19191official (Instagram)

Dicembre decisivo

Se il 31 dicembre diventa quindi la data limite per la cessione definitiva della Salernitana, i trustee hanno anche specificato che stanno valutando delle offerte da parte di alcune persone interessate al club. E, entro il 15 dicembre, si riservano di risolvere gli ultimi dubbi per poi finalmente perfezionare il passaggio societario.

La rinascita di Ross Barkley

I potenziali acquirenti, tra le altre cose, si sono riservati ancora del tempo per decidere perché, bilanci alla mano, la Salernitana ha reso disponibile all’analisi finanziaria il proprio bilancio solo in data 21 ottobre. Ergo, serve ancora un po’ per pianificare gli incastri giusti.

Terzi nel girone e niente Mondiale: il flop della Norvegia

Non si capisce se questa sia solo pretattica per prendere tempo né, tanto meno, chi siano questi fantomatici acquirenti. L’unica certezza, a oggi, è che la Salernitana resta ancora in mano a Lotito e Mezzaroma, con una classifica che piange e una retrocessione quasi certa all’orizzonte.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI