HomeSerie ACosa non sta funzionando nel Cagliari di Semplici

Cosa non sta funzionando nel Cagliari di Semplici

Il Cagliari ha un solo punto dopo 3 gare di campionato: ecco gli aspetti che non stanno andando bene nella formazione di Leonardo Semplici

Dopo 3 giornate di Serie A i giudizi sono sempre approssimativi, ma i primi 270 minuti hanno comunque già dato delle indicazioni interessanti. Tra le note negative figura certamente il Cagliari, ancorato al fondo della classifica con un punto. Una falsa partenza inattesa, ma determinata da dei fattori sui quali il tecnico Leonardo Semplici deve intervenire quanto prima.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cagliari Calcio (@cagliaricalcio)

Fase difensiva da rivedere: troppi gol subiti

Il dato più preoccupante riguardo a questo inizio di stagione per il Cagliari è senza dubbio quello dei gol subiti. Quella sarda è la seconda difesa più battuta della Serie A, al pari di quella dello Spezia e alle spalle solo di quella della Salernitana. Un dato allarmante, considerando che tutte e tre le sfide di campionato il Cagliari ha subito almeno 2 gol.

Un’inversione di tendenza rispetto alla scorsa stagione, quando Semplici aveva portato solidità difensiva oltre che risultati. Delle 15 partite disputate con l’ex tecnico della Spal al timone, infatti, il Cagliari ne aveva terminate 5 con la porta inviolata e 6 con appena 1 gol subito. Un pregio importante, che per il momento non si sta vedendo.

Joao Pedro non può fare tutto in avanti

Un altro aspetto dove la compagine cagliaritana deve migliorare è quello offensivo. I rossoblù hanno realizzato 5 gol, di cui tre messi a segno da Joao Pedro. Il brasiliano si sta confermando l’uomo in più della formazione sarda, ma da solo non può reggere per tutto il campionato il peso dell’attacco (cosa che, per il momento, sta provando a fare).

Le altre due reti portano le firme del centrocampista Deiola (contro il Milan) e del difensore Ceppitelli (contro il Genoa). Per ora nessun altro attaccante ha segnato oltre a Joao Pedro: segno evidente di una fase offensiva che deve essere sistemata e resa più corale ed efficace da Semplici, per produrre più gol e di conseguenza più risultati positivi.

Acquisti estivi ancora da integrare

L’altro aspetto che fino ad ora sta lasciando a desiderare è quello legato ai nuovi acquisti. In estate sono arrivati pochi innesti ma mirati, per dare a Semplici quei rinforzi che servivano per migliorare la squadra. Al momento, tra infortuni e prestazioni non all’altezza, il mercato estivo rossoblù non sta riscuotendo grande successo tra tifosi e addetti ai lavori.

I due che fino ad ora hanno trovato più spazio sono Strootman e Dalbert, arrivati per rinforzare rispettivamente la mediana e la corsia di sinistra. Le loro prestazioni sono in linea con quelle della squadra. Caceres e Keita Balde, invece, hanno esordito contro il Genoa e palesano ancora dei limiti di condizione e di intesa con i compagni.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Avatar
Paolo Lora Lamia
Classe ’92, ho la vocazione del giornalismo sportivo fin dall’adolescenza. Adoro il calcio, la sua storia e una narrazione sportiva tesa ad emozionare più che a creare polemiche. Giornalista pubblicista dal 2019, cofondatore di Mondoprimavera.com, collaboratore presso Gruppo GEDI e La Giovane Italia e opinionista sportivo per Toscana TV. Ho un debole per il calcio inglese (e per il Liverpool in particolare).

Articoli recenti