HomeNotizieLa storia di Borja Valero e del Centro Storico Lebowski

La storia di Borja Valero e del Centro Storico Lebowski

Borja Valero, ex-centrocampista della Fiorentina, si è accordato a sorpresa con un club dilettantistico, il CS Lebowski, a cui lo lega qualcosa che va oltre il campo sportivo

Leggi anche | Fiorentina Espanyol: un omaggio ad Astori e Jarque

Qualche giorno si era parlato di un possibile colpo di calciomercato davvero interessante, che riguardava Borja Valero e un piccolo club di sesta serie, il Centro Storico Lebowski. Sembrava quasi uno scherzo, e invece era tutto vero: l’ex-centrocampista di Inter e Fiorentina giocherà in Promozione nel prossimo anno!

Una notizia sorprendente, che ha catapultato il CS Lebowski su testate come Goal.com, Gianlucadimarzio.com e addirittura La Nazione. Un sogno che diventa realtà, anche grazie alla sensibilità sociale che unisce il calciatore e la sua nuova squadra.

La storia di Borja Valero al CS Lebowski

Leggi anche | Cosa sappiamo della trattativa tra Inter e Chelsea per Lukaku

Come raccontato sul sito InToscana.it da Benedetto Ferrara, giornalista che conosce personalmente Borja Valero, tutto è nato un po’ per scherzo. Un anno fa, l’allenatore delle giovanili del CS Lebowski gli chiese di parlare con il centrocampista spagnolo per convincerlo a venire a gicoare da loro a fine carriera. Ovviamente, si trattava di un discorso molto leggero e ipotetico, ma quando nei mesi scorsi Borja Valero ha annunciato l’addio alla Fiorentina e il ritiro dal calcio, Ferrara ha pubblicato sui social un fotomontaggio del giocatore con la maglia del Lebowski.

Borja Valero rispose con un like, e tanto è bastato per scatenare i siti che si occupano della Fiorentina per parlare di un possibile clamoroso trasferimento dello spagnolo nel campionato di Promozione. “Al momento è pura teoria” ha precisato Ferrara, spiegando com’è nata la notizia: una figura come Borja Valero servirebbe sicuramente a rilanciare il calcio dilettantistico italiano, duramente colpito dalla crisi del coronavirus, ma potrebbe anche essere percepito male.

Leggi anche | Chi è Hugo Maradona, il fratello di Diego candidato alle comunali di Napoli

“Il Lebowski vorrebbe che questa eventuale operazione fosse avvallata dalla città e non sembri solo una scelta puramente egoistica, che non rientrerebbe nel loro stile” chiarisce Ferrara. Il CS Lebowski, infatti, ha un forte legame col tessuto sociale da cui è emerso e porta avanti un’idea di calcio molto particolare, per cui anche un’operazione come quella di Borja Valero andrebbe valutata bene.

Borja Valero e CS Lebowski: non solo calcio

Ma la vicinanza tra il piccolo club fiorentino e il centrocampista ex-Villarreal e Inter va ben oltre le cronache del calciomercato. Il CS Lebowski, innanzitutto, è una realtà di calcio popolare fondata su profonde convizioni e valori sociali, che vanno al di là del calcio e ne hanno fatto uno degli esempi più interessanti in Italia e in Europa, al punto da venire raccontato anche in uno speciale di Federico Buffa.

Leggi anche | Marcus Rashford è diventato un’icona politica

Per conto suo, Borja Valero è sempre stato un calciatore molto sui generis. Al di là dell’indubbio talento e di una carriera di ottimo livello, è sempre stato un personaggio politicamente consapevole e schierato: “So di essere una persona privilegiata e mi reputo forse un po’ più di sinistra, anche se in realtà i politici di sinistra non sono così tanto di sinistra e quelli di destra non così tanto di destra” diceva alla Gazzetta dello Sport nel 2014.

Due anni dopo, parlava con estrema lucidità della figura del calciatore professionista nel mondo di oggi, senza risparmiare critiche alla sua categoria: “Mi sento in colpa per il mio benessere, a volte. I veri eroi però sono quelli che salvano le vite. Bisogna demitizzare la figura del calciatore, a me pesa essere considerati superficiali”.

Leggi anche | Hakimi, Mahrez e l’impegno dei calciatori per la Palestina

Inoltre, Borja Valero, negli anni, ha anche parlato apertamente di politica, arrivando a commentare l’ascesa dell’estrema destra in Spagna negli ultimi anni, raccontando la storia di suo nonno Paulino, che fu combattente per la Repubblica contro i fascisti nei primi anni Trenta, e delle sofferenze patite dalla madre sotto il regime franchista. “È strano sapere che c’è chi rimpiange il Franchismo. Questo succede perché c’è poca memoria, non si studia abbastanza e non si ricordano le cose atroci che sono successe”.

Un sogno che si realizza

Alla fine, però, il clamoroso trasferimento si è concretizzato: nella serata di mercoledì 18 agosto è iniziata a circolare la voce che Borja Valero si era effettivamente accordato con i ragazzi del CS Lebowski per venire a giocare da loro in Promozione nel prossimo campionato. Lo stesso centrocampista spagnolo ha poi confermato la notizia sulla pagine de La Nazione.

Leggi anche | Come sarà il calcio con i talebani: regole e divieti

“Ho accettato questa sfida perché mi riconosco nei valori portati avanti da questi ragazzi. – ha spiegato il giocatore – Penso a quello che hanno fatto in San Frediano per ridare vita al giardino dei Nidiaci e per dare la possibilità a tutti i bambini e alle bambine del quartiere di giocare, divertirsi e imparare a vivere senza ansie uno sport bellissimo che però sta perdendo la sua umanità”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Borja Valero Iglesias (@borjavalero20)

Borja Valero ha fatto riferimento anche alle sue origini, parlando di come è stato crescere nella periferia di Madrid tra gli anni Ottanta e Novanta:”Non c’era niente, era difficile anche trovare un campetto per giocare. Certe cose non si dimenticano. Il calcio è anche questo: incontro, aggregazione, possibilità di stare insieme. Di crescere”.

Leggi anche | Sheriff Tiraspol in Champions: il club dello Stato che non c’è

Nella prossima stagione, quindi, lo spagnolo sarà commentatore per DAZN e, contemporaneamente, giocherà in sesta serie con il CS Lebowski, realizzando quella che è senza dubbio la storia più bella di questo calciomercato. “Farò di tutto per aiutarli a costruire qualcosa di bello. Darò il massimo. Se lo meritano”.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti