L’Italia chiama, Bamba risponde: Napoli e Torino sul difensore ivoriano

Axel Bamba potrebbe essere un’ottima occasione in difesa per diversi club di Serie A, come ad esempio Napoli e Torino: scopriamo insieme di chi si tratta

LEGGI ANCHE: Europei 2021, Damsgaard da record: primo gol di un classe 2000

In Serie A si cercano difensori giovani e a buon mercato, e c’è chi si propone: secondo Calciomercato.it, l’agente di Axel Bamba avrebbe fissato degli incontri con i dirigenti di Napoli e Torino per proporre loro il suo assistito.

Stiamo parlando di un ragazzo di 21 anni che ha ben figurato nella Ligue 2, la seconda serie francese, con la maglia del Paris FC, arrivando fino ai playoff promozione. L’assalto alla prima divisione è però fallito, e per il giovane difensore ivoriano sembra essere arrivato il momento di tentare un’avventura a un livello più alto.

Axel Bamba, il giramondo

LEGGI ANCHE: Emerson Palmieri è un buon affare per il Napoli?

Figlio d’arte, Axel Bamba: suo padre, Yacouba Bamba, è stato un discreto attaccante originario della Costa d’Avorio (con 4 presenze in Nazionale negli anni Novanta) che in Europa ha avuto esperienze in Svizzera, Turchia e Azerbaijan. Axel è nato nel 1999 durante la permanenza del padre a Zurigo, ma è successivamente cresciuto a Parigi, entrando già nel 2009 nel settore giovanile del Paris FC.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FREDDY? BROCOLY? (@a.bamba15)

Il suo debutto è arrivato nell’agosto 2018 in Coppa di Lega, e a ottobre sono arrivati anche i primi minuti in campionato, dopo essere già entrato in pianta stabile nella rosa della squadra maggiore. Nella squadra all’epoca allenata dal bosniaco Mehmed Bazdarevic, Axel Bamba è cresciuto sotto l’occhio di un veterano come Jonathan Pitroipa e accanto alla promessa Silas Katompa Mvumpa, oggi allo Stoccarda e fino a poche settimane fa noto come Silas Wamangituka.

LEGGI ANCHE: Silas Wamangituka non esiste: in Germania c’è un nuovo caso Eriberto

In poco tempo il giovane difensore, che nel frattempo ha deciso di optare per la cittadinanza della Costa d’Avorio, si è affermato in prima squadra, fino a divenire la colonna della difesa nell’ultima stagione, sotto la guida di Thierry Laurey.

Uno sguardo al mercato

Le ottime prestazioni con il Paris FC hanno spinto Axel Bamba a diventare uno dei giovani più interessanti in Francia, ma hanno attirato anche l’interesse di club internazionali: non solo Napoli e Torino ne stanno valutando l’acquisto, ma si parla anche di società tedesche e inglesi.

LEGGI ANCHE: Diretti, rapidi e proattivi: come giocherà il Torino di Juric

Ad attirare è prima di tutto il fatto che l’ivoriano voglia lasciare la squadra dopo la mancata promozione, particolare che potrebbe costringere il Paris FC ad accettare anche un prezzo minore per lui, anche se il suo contratto dura fino al 2023. Le richieste della società francese girerebbero attorno ai 4 milioni di euro, ma trattando potrebbero anche scendere fino a 2-3 milioni.

Il Napoli vedrebbe in lui un possibile erede di Kalidou Koulibaly, che ogni estate viene accostato a una possibile partenza. Per conto suo, il Torino deve allestire la rosa per il nuovo allenatore Ivan Juric, e prepararsi per eventuali partenze in difesa: Bremer e soprattutto Lyanco hanno diverse richieste a cui Cairo potrebbe anche cedere.

Axel Bamba, caratteristiche e ruolo

LEGGI ANCHE: Toma Basic, il colosso del Bordeaux è pronto al grande salto: il Napoli su di lui

Axel Bamba è ufficialmente un difensore centrale, con un fisico compatto e ben impostato. In possesso di una buona tecnica, eccelle sicuramente sotto il profilo tattico e atletico, qualità che gli permettono di essere impiegato in ruoli diversi della retroguardia, interpretando ad esempio il ruolo del terzino sia a destra (dove può giocare sul suo piede naturale) che a sinistra.

Finora, però, lo si è visto solamente alle prese con un contesto non molto competitivo e sarà necessario testarlo a un livello più alto, dandogli anche il tempo di ambientarsi non solo alla categoria ma anche, eventualmente, al nuovo ambiente in cui si troverà.

LEGGI ANCHE: Perché Bruno Fernandes sta rendendo così poco in Nazionale?

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!