Perché tutti vogliono Adeyemi

Adeyemi del Salisburgo è uno dei talenti più interessanti in Europa, e il suo procuratore intende piazzarlo presto in una big. Ecco perché sarebbe un grande investimento.

Leggi anche | Golden Boy 2021: la short list con Bellingham e Pedri

Di lui si parla già da un anno circa, ma negli ultimi giorni il nome di Karim Adeyemi è salito alla ribalta europea anche per le vicende di calciomercato: la concorrenza per lui è molto alta, e l’Inter ha provato a giocare d’anticipo offrendo al 19enne del Salisburgo un contratto quinquiennale.

Ancora nessun accordo, però, mentre si attendono le contromosse delle altre pretendenti (Juventus, PSG, ma soprattutto Borussia Dortmund, Atletico e Real Madrid). Anche perché parliamo di una scommessa non da poco: a fronte della giovane età, l’attaccante tedesco è valutato 35 milioni di euro, cifra destinata a salire se per lui dovesse nascere un’asta.

Le statistiche d’oro di Adeyemi

Leggi anche | Karim Adeyemi, l’ennesima stella made in Salisburgo

Già nella scorsa stagione il giovane attaccante del Salisburgo aveva messo in evidenza doti eccezionali, ben evidenziate dai numeri: 9 gol e 11 assist in 38 partite, giocate però per lo più come riserva di Patson Daka (complessivamente, stiamo parlando di soli 1.248 minuti in campo).

karim adeyemi salisburgo
Fonte: karim_adeyemi (Instagram)

Oggi, complice la cessione al Leicester del collega zambiano, Karim Adeyemi si è conquistato un ruolo di primo piano nella squadra, e il suo curriculum si è decisamente arricchito: 13 gol e 2 assist in 16 partite, tra campionato e Champions League. Questo significa una rete ogni 81 minuti: schierarlo in campo dall’inizio corrisponde alla certezza di un gol segnato.

Leggi anche | Ci sono tanti motivi per seguire da vicino il Salisburgo

Marca ha messo in fila un po’ di dati molto interessanti sul talento tedesco del Salisburgo: Adeyemi ha una percentuale di precisione dei suoi tiri superiore al 78% (25 tiri nello specchio della porta su 32 tentati). Ma soprattutto spicca come la sua attuale media realizzativa sia superiore agli expected goals, secondo il cui calcolo in campionato avrebbe dovuto mettere a segno 8 gol invece di 10.

Iscriviti al nostro canale YOUTUBE

La differenza, in base all’analisi del quotidiano spagnolo, sarebbe dovuta alla sua peculiare abilità nel piazzare la palla, che innalza il valore degli xGOT a 9,68, grazie a un incremento del 18,34%. Oltre alla quantità, va rimarcata la “qualità” dei suoi gol: in ben cinque occasioni ha segnato reti che hanno sbloccato il risultato, e in quattro ha realizzato il gol decisivo.

La centralità di Adeyemi nel gioco del Salisburgo

Leggi anche | Chi è Luka Sucic, l’ennesimo wonderkid del Salisburgo che piace al Milan

Rispetto alla scorsa stagione, non è cambiato solo il suo minutaggio, ma anche il suo posizionamento in campo: Matthias Jaissle, arrivato in estate al posto di Jesse Marsh, lo fa agire meno da punta centrale rispetto al passato, dandogli modo di svariare maggiormente sulle corsie esterne. Ciò ha determinato una dimuzione dei suoi assist, ma lo ha reso molto più letale sotto porta.

adeyemi mappa calore
Fonte: Wyscout (via Marca)

L’attacco del Salisburgo gravita interamente attorno ad Adeyemi, come conferma il fatto che tra gli austriaci non è solo il principale realizzatore, ma anche il giocatore che effettua più tocchi dentro l’area avversaria. La sua pericolosità è stata finora abbastanza evidente in Champions League: oltre ai 3 gol in 4 partite, il tedesco ha conquistato 4 rigori per il cuo club.

Leggi anche | Da Upamecano a Werner: tutti i talenti lanciati da Rangnick

L’unico limite, secondo Marca, sarebbe da ritrovare nella sua capacità di reggere i 90 minuti: con un gioco così dispendosioso dal punto di vista fisico e mentale, Adeyemi arriva spesso stremato a fine partita, nonostante sia ancora giovanissimo. Finora ha portato a termine un’unica partita in stagione (il 19 settembre contro il Rapid Vienna) e nella maggior parte dei casi è stato sostituito prima dell’80° minuto. Dovesse imparare a gestirsi meglio in partita, senza perdere di efficacia, potrebbe entrare a tutti gli effetti tra i migliori attaccanti al mondo.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI