Il “peso” di Vidal: è ancora utile all’Inter?

Arturo Vidal è stato un acquisto importante per l’Inter, ma il feeling in nerazzurro non è mai sbocciato, e il cileno rischia di diventare un peso di troppo.

A un anno e mezzo dal suo arrivo a Milan, Arturo Vidal non ha ancora trovato il modo di convincere i tifosi della sua utilità, e anzi più passa il tempo più cresce la convinzione che il cileno rappresenti un problema per l’Inter.

Le motivazioni sono diverse, ma l’ex-juventino oggi non garantisce più il rendimento di qualche anno fa, nonostante il suo peso a bilancio. La sfida di Champions League contro il Liverpool potrebbe essere la sua occasione per rilanciarsi, data l’assenza di Barella, ma il mediano potrebbe anche doversi trovare un nuovo club in estate.

LEGGI ANCHE: Brozovic tra Barcellona e Inter: a che punto è il rinnovo?

Vidal Inter, un problema anagrafico e tattico

Arrivato a settembre 2020 su calda raccomandazione di Antonio Conte, che lo aveva consacrato anni prima a Torino, il cileno non è mai riuscito a diventare un elemento centrale nell’Inter anche all’epoca in cui era allenato dal suo grande estimatore.

In questa stagione e mezza a San Siro, ha mantenuto una media di 46,6 minuti a partita, che testimonia inequivocabilmente un ruolo di riserva nel club, con un contributo offensivo di 4 gol e 6 assist. Sul piano dell’intensità di gioco, Vidal non è chiaramente più quello di un tempo, complici anche i suoi 34 anni (che saranno 35 a maggio).

In un’Inter che cerca nuove occasioni sul mercato e, per il futuro, pensa già a Nandez e Frattesi come alternative per far rifiatare Barella, è chiaro che la figura dell’ex-centrocampista di Barcellona e Bayern Monaco è destinata ad avere sempre meno spazio in campo.

LEGGI ANCHE: Semifinali Coppa Italia: perché c’è la regola del gol in trasferta

L’aspetto economico

D’altro canto, però, Vidal resta un giocatore economicamente molto pesante, più di quanto non lo sia ormai a livello tattico. Con 6,5 milioni di euro netti a stagione, il cileno è il secondo giocatore più pagato della rosa nerazzurra dietro Alexis Sanchez: il fatto di oagare così tanto per una riserva, di cui si prevede un’ulteriore riduzione nell’impiego in partita, è ovviamente una cosa che una società che si trova nelle condizioni economiche dell’Inter non può permettersi.

Ma una riduzione d’ingaggio sembra quantomeno improbabile, almeno non a breve termine: il suo contratto dura fino a giugno 2023, e nella prossima stagione vedrà aumentare i suoi introiti di un ulteriore milione di euro, andando a pesare ancora di più sul bilancio nerazzurro.

Ecco perché cresce l’ipotesi di una possibile cessione in estate, con Marsiglia e Galatasaray interessate a ingaggiare il cileno. Vidal però sembra intenzionato a restare in un campionato di vertice, e quindi l’opzione turca appare alquanto traballante.

L’Inter ha tuttavia un’altra alternativa, grazie a una clausola del contratto del giocatore: se non dovesse trovare un accordo per la cessione, la società milanese potrebbe rescindergli il contratto dietro pagamento di 4 milioni di euro, con un risparmio di poco meno della metà dell’ingaggio annuale. Meglio che niente, insomma.

LEGGI ANCHE: Biglietti semifinale Coppa Italia Inter Milan: prezzi come e dove acquistarli

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI