thiago alcantara
Fonte: Instagram @thiago6

Thiago Alcantara è a un passo dalla firma con il Liverpool. Dopo aver vinto tanto con Barcellona e Bayern Monaco, il figlio di Mazinho raggiunge Klopp per puntare ancora più in alto.

Nelle ore in cui il Bayern Monaco si sta preparando ad accogliere Leroy Sanè, fresca e fiammante incorporazione del club in vista della prossima stagione, c’è un calciatore che, a breve, lascerà definitivamente il capoluogo bavarese. Si tratta di Thiago Alcantara, centrocampista spagnolo arrivato in Germania nell’ormai lontana estate del 2013, quando i bavaresi lo strapparono al Barcellona in cambio di un cospicuo assegno pari a 25 milioni di euro.

Ai tempi, strappare un prodotto del settore giovanile blaugrana significava crearsi un nome importante in ambito europeo, ma anche imporsi in un calciomercato che i catalani hanno sempre dimostrato di poter dominare. Sette anni dopo, Thiago Alcantara ha deciso di lasciare il Bayern a un solo anno dalla scadenza naturale del contratto. La decisione è maturata diversi mesi fa, tanto è vero che il club non ha mai nemmeno abbozzato una proposta di adeguamento.

RAUL GARCIA, IL COLLEZIONISTA DI NUMERI

Thiago Alcantara, un rinforzo di lusso per Klopp

Semplicemente, dopo un po’ di tempo certe strade sono destinate a separarsi. Il futuro di Thiago Alcantara sarà a Liverpool, ovviamente nelle fila dei Reds di quel Jurgen Klopp che, da diverso tempo, stava portando avanti un’opera di strenuo convincimento verso i manager del ragazzo. Che, ricordiamolo, in passato era stato accostato anche al Manchester City del suo mentore Guardiola, colui il quale avrebbe sicuramente fatto carte false per tornare ad allenare uno dei suoi pupilli.

CHI È ALBIAN HAJDARI, UN CENTRALE PER LA JUVENTUS DEL FUTURO

Il Liverpool staccherà un assegno da 35 milioni di euro, una cifra di tutto riguardo se consideriamo le condizioni contrattuali del ragazzo e il fatto che, ammortamenti alla mano, il Bayern metterà a bilancio una bella plusvalenza. La Premier League sarà il terzo dei top campionati nei quali il centrocampista di nazionale spagnola giocherà: prima del Bayern, infatti, aveva coronato il suo sogno di esordire e imporsi, seppure solo a tratti, con la maglia del Barcellona, il club che aveva dato la possibilità a lui e a suo fratello di approcciarsi al calcio di grande livello.

LE PARTITE DI OGGI IN TV: A CHE ORA E DOVE GUARDARLE

Un palmares da campione

Arrivato in Germania a soli 22 anni, Thiago Alcantara ai tempi portava già in dote esperienza ai massimi livelli, ma soprattutto una mentalità forgiatasi prestissimo tra le fila di uno dei club più vincenti al mondo. A oggi, sono 30 i titoli vinti dal ragazzo nato nel 1991 in provincia di Lecce, città nella quale papà Mazinho giocava – con alterne fortune – nel cuore del centrocampo giallorosso. I primi, conquistati da comprimario con il Barcellona, gli hanno permesso di farsi conoscere da tutti: nel 2011, per esempio, aveva vinto la Champions League, pur non mettendo insieme alcun minuto nella finale di Wembley.

BRUNO FERNANDES SI È PRESO IL MANCHESTER UNITED

Era il Barcellona dei grandi prodotti della Masia, uno dei vivai più importanti di sempre. Thiago, capito l’andazzo, decide però che la proposta del Bayern può garantirgli ciò che i blaugrana, a causa di una concorrenza spietata, gli stanno precludendo. Nei sette anni giocati con la compagine tedesca, il figlio maggiore di Mazinho ha vinto un totale di 16 trofei, tra i quali fanno bella figura le sette Bundesliga, una Champions League e un Mondiale per Club.

IL SASSUOLO DI DE ZERBI STA MATURANDO

Il mancato rinnovo e la nuova avventura

Nonostante Thiago Alcantara sia stato per lungo tempo un calciatore chiave per il Bayern Monaco, il club ha deciso comunque di non insistere nella proposta di rinnovo. I motivi li ha spiegati la Bild, quotidiano tedesco da sempre molto vicino alle vicende bavaresi: secondo i media tedeschi, nella dirigenza sarebbero subentrati un po’ di dubbi legati alla tenuta fisica del calciatore, che in stagione si è fermato più volte a causa di problemi alla schiena e all’inguine.

CHI È ADOLFO GAICH, IL CENTRAVANTI CHE PIACE ALLA SERIE A

Klopp, però, pare non interessarsene, sfregandosi le mani per quello che potrebbe diventare un vero e proprio valore aggiunto a una squadra di valore altissimo. Il manager del Liverpool lo utilizzerà principalmente come centrocampista, visto che in quella zona di campo i Reds faranno qualche operazione in uscita, ma all’occorrenza Thiago può essere adattato anche come difensore centrale. Secondo le statistiche raccolte da Transfermarkt, lo spagnolo in carriera ha giocato 250 partite da centrocampista centrale e un altro centinaio dividendosi tra il ruolo di mediano e quello di trequartista.

Insomma, è un elemento tatticamente universale, che ama dettare i tempi e ricevere palla per costruire dal basso, pur essendo efficace anche in fase di interdizione. In questa stagione, il fratello di Rafinha ha completato 74.9 passaggi a partita con il 90.5% di precisione, corredando il tutto da 0.8 passaggi chiave medi. Klopp, quindi, non vede l’ora di consegnargli le chiavi del suo Liverpool. E anche se al Bayern sono troppo occupati a festeggiare l’arrivo di Sané, per sostituire adeguatamente Thiago c’è bisogno di una crescita improvvisa del giovane Cuisance. O, in alternativa, mettere mano al portafoglio.

LA TOP 10 DEI CALCIATORI SVINCOLATI ALL’ESTERO

Per restare sempre aggiornati, seguici su Instagram e Facebook