HomeCalciomercatoRomero al Tottenham: il rammarico della Juventus

Romero al Tottenham: il rammarico della Juventus

Romero passa dall’Atalanta al Tottenham in un affare che potrebbe portare ai bergamaschi 32 milioni di plusvalenza, ma che ne è già costati 5 di minusvalenza alla Juventus

Leggi anche |  Non solo Gollini: l’Atalanta fa cassa, Romero verso il Tottenham

Cristian Romero è, da qualche giorno, un nuovo giocatore del Tottenham, arrivato in prestito dall’Atalanta per 50 milioni più 5 di bonus dopo una sola eccellente stagione in nerazzurro. Il colpo degli Spurs pone però anche delle domande relativamente alla Juventus.

Fino a pochi giorni fa, i bianconeri erano infatti proprietari del cartellino del 23enne difensore argentino, che ci avevano messo su le mani nel luglio 2019. A Torino, Romero non ha avuto alcuna possibilità di mettersi in mostra, ed è stato usato solamente come pedina di scambio fino al recente riscatto da parte dell’Atalanta. Il club bergamasco farà probabilmente una grossa plusvalenza con la sua cessione al Tottenham, mentre la Juventus ha già perso dei soldi nell’operazione.

Le accuse a Paratici

Leggi anche | Con Lovato, l’Atalanta si prepara già al post-Romero

Ammonta a circa 5 milioni di euro la minusvalenza bianconera nell’affare Romero, come ha spiegato lo stesso club torinese. Nei giorni scorsi, l’Atalanta ha infatti riscattato il difensore per poter procedere all’operazione con il Tottenham, pagando alla Juventus 16 milioni di euro. Ma la Juve aveva acquistato Romero due anni fa per 26 milioni (saliti, coi bonus, fino a 32), e per effetto degli ammortamenti, la perdita contabile dovuta a questa operazione è di 4,8 milioni.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cristian Romero (@cutiromero2)

Stefano Agresti, su Calciomercato.com, è stato abbastanza critico verso Fabio Paratici, attuale direttore sportivo del Tottenham ed è dirigente della Juventus: Paratici è accusato di aver supervalutato Romero in ben due occasioni, la prima quando lo portò a Torino dal Genoa (che lo aveva prelevato dal Belgrano per poco più di 4 milioni) e la seconda ora con l’acquisto dall’Atalanta, pari a quasi il doppio di quanto lo pagò la prima volta e oltre 30 milioni in più rispetto alla cifra appena sborsata dai nerazzurri per il giocatore.

Leggi anche | Paratici, Tottenham modello Chelsea: cedere i giovani per arrivare a Gollini e Romero

In mezzo, c’è una seconda operazione relativa a Cristian Romero a cui Paratici ha preso parte: il suo passaggio all’Atalanta. Infatti, l’attuale riscatto a 16 milioni è frutto di un accordo stipulato lo scorso settembre, quando Paratici lavorava ancora per la Juventus: l’Atalanta pagò 2 milioni per il prestito e avrebbe potuto completare l’operazione per altri 16, molto meno di quanto la Juventus aveva investito nel giocatore l’estate precedente, e nonostante la giovane età e le ottime prestazioni dell’argentino.

Romero e la Juventus: un feeling mai nato

Tutta la storia tra la Juventus e Cristian Romero è stata abbastanza tortuosa. I bianconeri lo avevano acquistato per una cifra considerevole quando aveva solo 21 anni e sembrava logico potesse diventare l’erede di uno dei veterani della difesa juventina, come ad esempio Giorgio Chiellini.

Leggi anche | Pezzella saluta il Parma: sarà il vice Gosens all’Atalanta

Il giocatore venne però lasciato il prestito al Genoa, sebbene avrebbe potuto essere già messo alla prova in un club di maggior livello. Un anno dopo, è stata infatti l’Atalanta a farsi avanti, ma il prestito ai bergamaschi, come abbiamo visto, era di fatto già una cessione: la Juventus ha così scaricato Romero dopo un anno appena, e senza nemmeno avergli mai fatto vedere la Continassa. E adesso è appunto l’Atalanta che pregusta una colossale plusvalenza.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Cristian Romero (@cutiromero2)

Juventus – Genoa, linea diretta

Non è sfuggito agli osservatori più attenti che il caso Romero tocca tangenzialmente i noti (e spesso discussi) affari tra Juventus e Genoa, che da anni danno vita a scambi di giocatori con cifre piuttosto consistenti. Nel luglio 2019, i liguri acquistavano Stefano Sturaro, riserva bianconera, per 16,5 milioni, ma da allora il centrocampista non è mai riuscito ad affermarsi in rossoblù e l’ultima stagione l’ha trascorsa in prestito al Verona.

Leggi anche | Juventus, Genoa e plusvalenze: cosa dovete sapere della questione

Lo scorso gennaio, sempre il Genoa ha prelevato dalla Juventus Elia Petrelli e Manolo Portanova per 18 milioni complessivi, ma il primo è stato immediatamente girato in prestito in Serie B, mentre il secondo ha giocato appena 64 minuti in rossoblù. Per contro, a Torino sono arrivati nel 2019 Mattia Perin, 14 milioni e 9 presenze in bianconero, e Nicolò Rovella, 19enne promessa genoana pagata 18 milioni lo scorso gennaio e appena rientrata alla corte di Allegri.

Allo stesso tempo, però, per tamponare la minusvalenza dell’affare Romero potrebbe arrivare proprio un altro accordo con l’Atalanta: il club nerazzurro ha infatti prelevato proprio dalla Juventus Merih Demiral, in prestito con riscatto fissato a 28 milioni.

Leggi anche | Nicolò Rovella, il talento del Genoa passa alla Juventus

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti