HomeCalciomercatoXhaka rinnova con l'Arsenal, e la Roma bussa in casa Dortmund

Xhaka rinnova con l’Arsenal, e la Roma bussa in casa Dortmund

È Delaney, danese del Borussia Dortmund, l’alternativa studiata dalla Roma per Xhaka, le cui speranze di arrivare nella Capitale stanno tramontando

LEGGI ANCHE: La conferenza stampa di Mourinho: “Sarà la Roma dei romanisti”

È da mesi che si parla del trasferimento di Granit Xhaka alla Roma, come principale colpo del mercato giallorosso sotto la direzione di José Mourinho, ma per adesso nulla è ancora stato concluso, e anzi la trattativa sembra ormai destinata a tramontare.

Se la strada che porta allo svizzero dovesse chiudersi, la Roma andrebbe a caccia di Thomas Delaney, nazionale danese visto impeganto agli scorsi Europei e attualmente sotto contratto con il Borussia Dortmund. Un’alternativa tecnicamente valida, anche se di diverso profilo, ma soprattutto più economica.

Xhaka si allontana dalla Roma

LEGGI ANCHE: Douglas Luiz, l’alternativa a Xhaka: chi è il mediano che piace alla Roma

Xhaka è stato fin da subito il nome di punta della lista di Mourinho per la sua rivoluzione romanista: un regista ordinato, pulito e in cerca di una squadra in grado di valorizzarlo, dandogli anche un ruolo di leadership che all’Arsenal non ha mai avuto. L’ottimo Europeo disputato, affrontando anche l’Italia, sembrava il perfetto biglietto da visita per un approdo in Serie A, ma la trattativa non si è ancora sbloccata.

granita xhaka svizzera
Fonte: @granitxhaka (Instagram)

Troppi i 23 milioni chiesti dall’Arsenal per il centrocampista, anche se ancora stamattina la Gazzetta dello Sport sosteneva che in casa giallorossa ci fosse ottimismo in merito al suo arrivo. L’arrivo dall’Anderlecht del giovane Sambi Lokonga era stato salutato come il via libera per la cessione di Xhaka alla Roma, dato che l’Arsenal è in cerca di denaro per confermare Odegaard dal Real Madrid.

LEGGI ANCHE: Chi è Albert Sambi Lokonga, il gioiellino del calcio belga

Poco fa, però, dall’Inghilterra è arrivata l’indiscrezione dell’apertura di trattative per il rinnovo tra i Gunners e lo svizzero: Xhaka, in verità, già così come oggi resterebbe a Londra fino al 2023, ma è facile che un aumento di stipendio sarebbe un valido incentivo per raffreddare la pista che porta a Roma. O forse, un modo per fare pressione sui giallorossi, ancora fermi a 15 milioni di offerta.

Delaney, l’alternativa economica

Un anno in più di Xhaka, ma anche un prezzo più abbordabile: per Transfermarkt, il cartellino del danese si aggira intorno a 15 milioni di euro, ma non ha un ruolo centrale nel progetto del Borussia Dortmund, e quindi potrebbe essere possibile acquistarlo anche per una cifra inferiore. Inoltre, il suo contratto coi tedeschi scade tra un anno, e questo sarebbe un altro fattore che potrebbe facilitarne la cessione oggi, piuttosto che rischiare di perderlo a zero nel 2022.

LEGGI ANCHE: Thomas Delaney, il leader della Danimarca cercato dalla Juventus

Anche Thomas Delaney ha disputato un ottimo Europeo, confermandosi un elemento fondamentale della Danimarca, ma il confronto con Xhaka resta comunque abbastanza sfavorevole per lo scandinavo. A livello tecnico e di lucidità di gioco, Delaney non ha la stessa qualità della prima scelta romanista, ma rappresenta un’alternativa economica e più facilmente percorribile.

thomas delaney danimarca
Fonte: @thomasdelaney (Instagram)

Un suo grande pregio è quello di essere molto più duttile e completo come centrocampista rispetto a Xhaka: sa ricoprire più ruoli, dalla mediana fino alla trequarti, venendo talvolta impiegato anche da esterno sinistro, talvolta anche in difesa. È un grande recuperatore di palloni, e questo lo rende un giocatore difensivamente molto prezioso che potrebbe lo stesso essere sfruttato efficacemente da Mourinho.

LEGGI ANCHE: La Roma su Lenglet: chi è il francese che piace a Mourinho

La vera incognita, con Delaney, riguarda la sua condizione fisica: nelle ultime due stagioni è stato spesso assente per infortuni muscolari, in particolare dopo la rottura dei legamenti dell’autunno del 2019 ha infilato una serie di problemi che si sono protratti fino allo scorso aprile, facendogli perdere 31 partite in tutto.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti