HomeCalcio EsteroPuskas Arena: storia, capienza e curiosità

Puskas Arena: storia, capienza e curiosità

La Puskas Arena di Budapest è uno degli stadi di Euro 2020: conosciamo meglio questo impianto, dedicato ad uno dei giocatori più forti nella storia del calcio

L’Europeo in modalità itinerante consente di avere alcuni tra i migliori stadi d’Europa come teatri della manifestazione. Tra questi figura la Puskas Arena, impianto con sede a Budapest e tra i più moderni dell’Europeo. Conosciamo meglio uno degli stadi più giovani del torneo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Puskás Aréna (@puskasarena)

Da uno stadio all’atro, sempre nel segno di Puskas

Come spesso accade, questo nuovo impianto è nato sulle fondamenta di uno precedente. Al posto dell’attuale Puskas Arena era infatti presente un altro stadio, inaugurato nel 1952 e demolito nel 2017. Il punto in comune tra le due strutture è il nome, dato che entrambi sono dedicati all’immenso Ferenc Puskas (attaccante che ha dettato legge tra Honved, Real Madrid e Nazionale ungherese negli anni ’50 e ’60).

LEGGI ANCHE: Calendario Europei 2021: calendario, date, partite e gironi

I lavori per la costruzione del nuovo stadio sono iniziati nel 2017, tre anni dopo la decisione della Uefa di assegnare all’impianto ungherese tre partite della fase a gironi e un ottavo di finale dell’Europeo itinerante (che si sarebbe giocato nel 2020). L’edificazione della Puskas Arena è costata 190 miliardi di fiorini ungheresi (circa 610 milioni di euro, ovvero una cifra molto superiore alle aspettative).

LEGGI ANCHE: Tutte le rose dei convocati delle nazionali di Euro 2021

I lavori sono stati ultimati il 2 ottobre del 2019 e, il 15 novembre dello stesso anno, è stato inaugurato con l’amichevole tra Ungheria e Uruguay. La Nazionale magiara non è riuscita ad onorare al meglio l’evento, venendo sconfitta per 1-2 dai sudamericani che hanno mandato in gol Cavani e Rodriguez.

LEGGI ANCHE: Chi ha deciso di proseguire Danimarca Finlandia?

Puskas Arena, la capienza

Lo stadio di Budapest intitolato a Puskas vanta 67.889 posti a sedere. Una capienza con la quale la Federazione ungherese ha guadagnato una valutazione a 4 stelle da parte di Uefa e Fifa per quanto riguarda i requisiti degli impianti sportivi. Per dimensioni, ricorda l’Allianz Arena e l’Emirates Stadium.

LEGGI ANCHE: Inginocchiarsi Europei: cosa sta succedendo?

La Puskas Arena è cresciuta in dimensioni rispetto all’impianto precedente, che negli ultimi anni di vita aveva 56.000 posti. Una capienza che comunque è diminuita nel corso del tempo, anche per norme relative alla sicurezza. Il primo impianto dedicato a Puskas, infatti, nel corso della sua storia ha ospitato fino a 104.000 persone.

LEGGI ANCHE: L’Europeo può essere la svolta per Patrick Schick?

Euro 2020, le partite in programma a Budapest

Dopo la prima amichevole tra Ungheria e Uruguay, per la Puskas Arena arriva la prima competizione importante con le partite dell’Europeo. La prima, in programma martedì 15 giugno, mette di fronte la Nazionale magiara e il Portogallo nella fase a giorni di Euro 2020. Si torna a giocare a Budapest il 19 giugno con il match tra Ungheria e Francia, per poi chiudere la prima fase dell’Europeo il 23 giugno con Portogallo-Francia (riedizione dell’ultima finale).

LEGGI ANCHE: Ryan Christie, l’anima della Scozia

Come già anticipato, la Puskas Arena è uno degli impianti scelti per ospitare un match valido per gli ottavi di finale. Si tratta della sfida in programma il 27 giugno, che metterà di fronte la prima classifica del Gruppo C e la terza di uno tra i gironi D, E e F.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Avatar
Paolo Lora Lamia
Classe ’92, ho la vocazione del giornalismo sportivo fin dall’adolescenza. Adoro il calcio, la sua storia e una narrazione sportiva tesa ad emozionare più che a creare polemiche. Giornalista pubblicista dal 2019, cofondatore di Mondoprimavera.com, collaboratore presso Gruppo GEDI e La Giovane Italia e opinionista sportivo per Toscana TV. Ho un debole per il calcio inglese (e per il Liverpool in particolare).

Articoli recenti

Ricevi i nostri articoli su Telegram