Un nazionale olandese è stato accusato di tentato omicidio

Accusato di aver accoltellato un parente, Quincy Promes dovrà rispondere di tentato omicidio colposo: la vicenda ha scosso tutta l’Olanda

Quincy Promes è nei guai. La stella dello Spartak Mosca, prossimo avversario del Napoli in Europa League, è stato accusato di tentato omicidio colposo. La bomba è stata lanciata dalla stampa olandese, più precisamente dal De Telegraaf, che avrebbe ricostruito per intero la vicenda.

Offensivi e moderni: nascono i nuovi Rangers di Van Bronckhorst

Secondo ciò che si sa, il 29enne centrocampista offensivo in forza al club moscovita avrebbe accoltellato un parente durante una festa di famiglia tenutasi ad Abcoude, sobborgo situato alla periferia di Utrecht. I fatti risalgono al 2020, quando il giocatore era ancora in forza all’Ajax.

Le pesanti accuse di tentato omicidio

La vittima avrebbe riportato ferite molto gravi e, proprio per questo motivo, in seguito alla denuncia presentata alle forze dell’ordine Promes aveva già passato due notti in carcere, negando ripetutamente le accuse formalizzate contro di lui.

Perché il caso Scamacca è un esempio di cattivo giornalismo

Ora sarebbero emersi nuovi dettagli e, proprio per questo, i suoi avvocati sono al lavoro per scagionarlo definitivamente: “Siamo tranquilli – dicono dallo Spartak – i legali del giocatore si stanno muovendo e lui per adesso deve solo pensare a concentrarsi sulle prossime partite”.

L’Union Saint-Gilloise vuole sconvolgere gli equilibri del calcio belga

Nel frattempo, l’intero fascicolo della vicenda è passato nelle mani del Pubblico Ministero olandese, che nelle prossime settimane si riserverà di fornire ulteriori dettagli su questa incresciosa vicenda.

Chi è Quincy Promes

Ex ragazzo prodigio del calcio olandese, Promes nel 2014 ha lasciato l’Olanda per volare in Russia a firmare un ricco contratto con lo Spartak Mosca. Dalla capitale russa è andato via nel 2018, ma dopo un paio di parentesi in chiaroscuro tra Siviglia e Ajax, nel 2021 ha deciso di volare nuovamente verso est.

In nazionale vanta una cinquantina di presenze, l’ultima all’Europeo sotto la guida di Frank de Boer. Con Louis van Gaal, invece, non è più stato chiamato, forse anche per evitare problemi legati a una vicenda extracalcistica che sta facendo parecchio discutere.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI