HomeCuriositàCosa dovete sapere sul nuovo logo dell'Inter

Cosa dovete sapere sul nuovo logo dell’Inter

Il nuovo logo Inter porta in dote un sacco di novità, con i nerazzurri proiettati nel mercato del futuro per rispondere all’espansione della Juventus

L’Inter entra ufficialmente nel futuro: i tifosi nerazzurri ricorderanno per sempre la data del 30 marzo 2021, quella del nuovo logo Inter quando la società, trascinata da una forte rivoluzione legata il marketing, decide per una svolta epocale cambiando quello che per decenni è stato il simbolo del club. Basta stemmi con troppi particolari e rifiniture, benvenuta modernità per mano di una ribrandizzazione totale che, in primis, andrà a colpire l’immagine della stessa Inter.

LEGGI ANCHE: Inter, Special Jersey I-M: nuova maglia per un nuovo logo

Il fatto che il nuovo logo Inter venga presentato in pompa magna, in un momento così delicato dal punto di vista societario, rassicura il popolo nerazzurro sulla presenza della famiglia Zhang al fianco del club, almeno fino a quando non verranno trovati nuovi soci. Nel frattempo, però, il percorso di globalizzazione del marchio va avanti provando a sedurre ulteriormente i consumatori e coinvolgendo la cosiddetta Generazione Z, i tifosi del domani.

Com’è il nuovo logo Inter

Il nuovo stemma è stato disegnato con linee molto semplici che giocano principalmente sulle due lettere classiche, la I di Inter e la M di Milano, rinsaldando il legame con la città che non deve mai mancare. Giorgio Muggiani, il disegnatore scelto per il restyling, le ha incrociate con i colori nero e blu, ma una tonalità più chiara tendente all’azzurro, in modo tale da dare un’impronta visiva differente al nuovo logo Inter.

Che guarda ovviamente al futuro, certo, ma mantiene forte il riferimento al passato pur custodendo al suo interno una certa ambizione di internazionalità, con Suning che una volta dato l’ok per la ribrandizzazione del marchio ha confermato l’impegno nonostante il periodo delicato dal punto di vista economico. Per questo, imporsi a livello di marketing è fondamentale, in modo tale da dare battaglia alla Juventus non solo in campo.

LEGGI ANCHE: Chi è Louza, il talento del Nantes che piace al Milan

Modernità alla base della realizzazione

Il nuovo logo Inter ha l’obiettivo di raccontare nell’intimo l’identità di una realtà ultracentenaria della quale sottolineare l’essenza, grazie soprattutto a una serie di fotografie scattate nei luoghi iconici di Milano e alle tante testimonianze di ex calciatori che il club nerazzurro lo hanno vissuto da di dentro. Parallelamente, va sottolineate l’interessante campagna pubblicitaria “I M”, parafrasata dall’inglese “I’m”, ovvero “io sono”, studiata e proposta direttamente da Suning.

LEGGI ANCHE: Nuovo logo Inter: quando verrà presentato

Alla campagna per il nuovo logo Inter hanno partecipato in tanti: da Zanetti a Materazzi passando per Bergomi, Berti, Chivu, Maicon e Beppe Baresi, ma anche alcuni calciatori che fanno della rosa attuale come Lukaku e Barella. Il logo campeggerà da oggi sulla sede dell’Inter di Viale Liberazione e su alcuni gadget che si possono trovare in vendita sullo shop online ufficiale della società.

LEGGI ANCHE: Van de Beek, un’occasione di mercato per l’Inter

Quando lo vedremo sulle maglie

Per le maglie, invece, bisognerà aspettare la stagione 2021/22, anche se in occasione dell’annuncio della quarta divisa – che l’Inter utilizzerà per il match contro il Cagliari in programma nel weekend post pasquale – probabilmente sarà possibile vedere lo stemma come patchwork a completare il design moderno della nuova proposta marchiata Nike.

LEGGI ANCHE: Luis Muriel Inter: Conte ha scelto il colpo dell’estate?

Si parla quindi di una svolta interessante e a suo modo storica, di quelle che verranno ricordate per parecchio tempo. Un cambio importante, rivoluzionario che dovrebbe servire a proiettare l’Inter nel futuro. Un rinnovamento anche grafico, che semplifica e va di pari passo con i tempi, consentendo alla società di “comunicare” in maniera estremamente diretta con i propri tifosi e clienti, così da usare un linguaggio accessibile a tutti.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

75387536bf8277a4a0c328b6d3d9d91b?s=90&d=mm&r=g
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti