ansu fati espulsioni più veloci
Fonte: Instagram @ansu.fati9

Ansu Fati ci ha messo meno di cinque minuti a farsi espellere dal derby catalano, ma il suo non si avvicina nemmeno al ‘rosso’ più veloce di sempre. Ecco le espulsioni più veloci nel calcio.

Il derby catalano tra Barcellona ed Espanyol rischia di essere ricordato non solo per la retrocessione matematica dei pericos. A inizio del secondo tempo, infatti, gli animi in campo si sono scaldati un po’ troppo. Nonostante questa stracittadina non sia tra le più sentite al mondo, a livello giovanile si porta dietro scorie vecchie di anni, con ragazzi che, dopo tutta la trafila nel vivaio, si ritrovano ad affrontarsi con la prima squadra.

Ansu Fati è uno di questi. Infatti, la sua partita, è durata meno di cinque minuti, giusto il tempo di essere mandato in campo tra i due tempi da Quique Setien e di entrare in maniera sconsiderata sul Fernando Calero. Il difensore centrale dell’Espanyol ha rischiato grosso, agganciato direttamente sulla tibia da un intervento killer da parte dell’esterno blaugrana. L’arbitro, senza indugiare, ha estratto direttamente il cartellino rosso.

LUIS MURIEL, IL MIGLIORE DODICESIMO D’EUROPA

Ansu Fati, rosso fulmineo: tutte le espulsioni più veloci nel calcio

Il Barcellona probabilmente lo multerà, perché un’entrata del genere avrebbe potuto spezzare la caviglia, e la carriera, di un avversario. Ma l’Espanyol, che in campo ha creato veramente poco, non è stato a guardare: a pochi minuti dal rosso comminato ad Ansu Fati, anche Pol Lozano ha deciso di intervenire in maniera ruvida su Gerard Piqué, guadagnandosi l’espulsione diretta e ristabilendo così la parità numerica.

LA CADUTA ALL’INFERNO DELL’ESPANYOL

Ma Fati e Lozano non sono gli unici a potersi fregiare di entrare nella classifica delle espulsioni più veloci. Per esempio, nel 2019 Serkan Kirintili, portiere del Konyaspor, ha dovuto abbandonare il campo dopo soli 13 secondi di gioco dopo aver toccato il pallone con le mani, ma fuori dall’area di rigore. In Serie A, invece, il record per un’espulsione appartiene a Giuseppe Lorenzo, cacciato in un Parma – Bologna del 1990 dopo soli 10 secondi di gioco.

SEAN E MATTHEW LONGSTAFF, L’ORO DI NEWCASTLE

I 38 secondi di Gerrard e la follia di Gillespie

Tra le espulsioni più veloci e senz’altro celebri rientra senza dubbio anche quella di Steven Gerrard. Lo storico capitano del Liverpool, subentrato durante il suo ultimo match giocato contro gli arcirivali del Manchester United. Mandato in campo in luogo dell’infortunato Lallana, dopo 38 secondi è stato cacciato dal campo per via di un bruttissimo intervento su Ander Herrera.

COME STA ANDANDO L’AVVENTURA DI DIAMANTI IN AUSTRALIA

Particolarmente famoso è anche il caso di Keith Gillespie, esperto centrocampista nordirlandese con un buon curriculum in Premier League. Ai tempi dello Sheffield United prese un rosso dopo 12 secondi per aver rifilato una gomitata a un giocatore del Reading. La particolarità? Stava entrando in campo proprio nel momento in cui l’avversario era in procinto di battere una rimessa laterale. Tecnicamente, quindi, Gillespie è stato espulso senza mettere piede sul terreno di gioco. Una chicca da non dimenticare nelle espulsioni più veloci di sempre.

ENNIO MORRICONE: 5 TRACCE PER 5 MOMENTI SPORTIVI

Serge Djiehoua, il carneade dei record

Sapete però chi è il calciatore che ha conquistato il primato nella classifica degli espulsi più veloci nel calcio? Si chiama Serge Djiehoua, è un 37enne ivoriano e attualmente milita nel Denizli Sarakoy, in Turchia. Nel 2015, ai tempi in cui giocava in Grecia, venne mandato sotto la doccia nel tempo record di 7 secondi per aver dato un colpo al volto a un avversario con il gioco fermo.

In realtà non ci sono immagini che testimonino l’episodio, se non quelle dove il calciatore dell’Olympiakos Volos si butta a terra urlando e tenendosi le mani in volto, dopo quello che sembrava essere un normale contrasto aereo. Probabilmente fu un abbaglio dell’arbitro e dei suoi assistenti, che inconsapevolmente hanno consegnato alla storia un onesto mestierante del calcio come Djiehoua, rendendolo famoso in tutto il mondo.

RANGNICK, TRA RISCHIO E NECESSITÀ: COSA PUÒ DARE AL CALCIO ITALIANO

Per restare sempre aggiornati, seguici su Instagram e Facebook