HomeCalcio EsteroIl Borussia Dortmund vince, il Lipsia non convince: la Bundesliga è ancora...

Il Borussia Dortmund vince, il Lipsia non convince: la Bundesliga è ancora aperta

Negli ultimi anni, la Bundesliga è stato probabilmente il meno avvincente dei cinque maggiori campionati europei. In questa stagione, tuttavia, sono ben 4 le candidate per la vittoria del Meisterschale: anche il Borussia Dortmund, infatti, è rientrato in corsa.

Una corsa che si preannuncia spettacolare e combattutissima, anche perché le formazioni che puntano ad insidiare la squadra di Flick sono ben 3: il sorprendente Bayer Leverkusen di Bosz, il determinato e ambizioso Lipsia di Nagelsmann e il “misterioso” Borussia Dortmund di Terzic, le cui potenzialità sono ancora tutte da scoprire, benché la rosa a sua disposizione sia di altissimo livello.

Parlando del big match di Bundesliga di ieri sera, il Lipsia doveva necessariamente dare continuità agli eccellenti risultati ottenuti per scavalcare il Bayern Monaco. L’obbiettivo dei Roten Bullen, dopotutto, mettere in discussione la supremazia tecnica ed economica dei bavaresi. Vincere contro il Borussia Dortmund, quindi, non sarebbe stata altro che una prova di maturità, che Nagelsmann non è riuscito a superare, perdendo contro una squadra che, pur avendo vissuto un inizio di stagione decisamente altalenante, rimane più forte del Lipsia.

Borussia Dortmund: talento, esperienza e instabilità

Da un un punto di vista prettamente tecnico, la superiorità tecnica dei gialloneri è indiscutibile: Sancho e Haaland, per esempio, sono semplicemente dei fuoriclasse, mentre giocatori come Reus, Witsel e Hummels garantiscono grande esperienza alla squadra allenata da Terzic. Tutti elementi su cui il Lipsia non può contare: basti che pensare che Gulacsi, Kampl e Forsberg, i tre giocatori più esperti del Lipsia, hanno giocato 77 partite in Champions League. Fra le file del Borussia Dortmund, il solo Hummels ne ha messe insieme 87.

Un dato che certifica l’abissale differenza di esperienza fra le due formazioni, anche se i gialloneri rimangono con un problema enorme: l’instabilità in panchina. Negli ultimi tre anni, infatti, si sono succeduti sulla panchina del Borussia Dortmund ben quattro allenatori, con Terzic che a meno di clamorosi miracoli verrà sostituito a fine stagione. Un problema che non ha permesso alla squadra della Ruhr di maturare definitivamente, valorizzando le molte eccellenze presenti in squadra.

Lipsia: ambizione e programmazione

Il Lipsia (e in particolare Rangnick), invece, è riuscito a valorizzare al massimo ciascun giocatore presente in rosa, permettendo alla società di investire più nello scouting giovanile che nell’acquisto di giocatori già pronti per giocare fra i grandi. Per questo, gli straordinari risultati ottenuti dai Roten Bullen sono un perfetto esempio di progettazione a lungo termine, basata su un pensiero tipicamente industriale e spesso mal applicato al mondo del calcio, in particolare tedesco, ancora attaccato ad un ideale romantico di calcio e per questo ostile al modello Lipsia.

Bundesliga
FOTO – Twitter Die Roten Bullen

Un Lipsia che, però, rischia di non fare mai quel salto di qualità che gli permetterebbe di competere veramente con Bayern Monaco e Borussia Dortmund: a mancare, infatti, è l’esperienza, che potrebbero portare solamente giocatori per l’appunto di esperienza e quindi una certa età e con alte pretese economiche. Benché Nagelsmann non si sia mai lamentato di ciò e abbia sempre lavorato con i giovani a disposizione (valorizzando moltissimo elementi come Angeliño), è chiaro che la mancanza di un top player d’esperienza potrebbe impedire al Lipsia di evolversi e diventare finalmente e meritatamente un top club.

Bayer Leverkusen: la sorpresa di questa Bundesliga

Se si guardasse solamente alla rosa a disposizione di Bosz, il Bayer Leverkusen non dovrebbe essere una sorpresa di questa Bundesliga. Se si analizza meglio la situazione delle Aspirine, tuttavia, si capisce che quello compiuto dal tecnico olandese è un vero e proprio capolavoro: Wirtz e compagni, infatti, sono stati protagonisti di una crescita mentale e tecnica impressionante, che ha permesso loro di competere sin dalle prime giornate con il Bayern Monaco. Tutto questo senza poter contare su Kai Havertz, il giocatore più talentuoso ad aver vestito la maglia del Bayer Leverkusen nell’ultimo decennio.

A stupire, in particolare, sono state le sin qui eccellenti prestazioni di Alario e Wirtz, che si è confermato come il giovane più interessante di tutta la Bundesliga (insieme a Moukoko e Musiala). Da sottolineare anche l’impressionante crescita di Amiri, che è finalmente riuscito ad esprimere tutto il suo enorme potenziale. Per affrontare il Bayern Monaco manca ancora qualcosa, ma la strada intrapresa da Bosz e dalle Aspirine è quella giusta, anche se nelle ultime partite sono emersi alcuni limiti.

Borussia Dortmund, Lipsia e Bayer Leverkusen: tre squadre pronte a combattere fino alla fine per rendere la Bundesliga un campionato avvincente e spettacolare. Da troppo tempo, infatti, il Meisterschale non è stato così conteso.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: Instagram, Facebook, Twitter e Flipboard!

Federico Zamboni
Federico Zamboni
Classe 2003, studente di liceo classico e tifoso del Milan. Appassionatissimo di Bundesliga da qualche anno, tifa Union Berlino e RB Lipsia, i due opposti del calcio tedesco. Scrive di Bundesliga per Minuti di Recupero, Footbola, BundesItalia e Contrataque. Racconto storie di calcio su Catenaccio e Contropiede.

Articoli recenti