Benzema riaccende le polemiche: messaggio a Deschamps

benzema real madrid
Fonte: Image Photo

Benzema riaccende le polemiche e lancia un messaggio a Deschamps con la sua prestazione spettacolare nella Liga, ripartita ieri sera. 

Doppietta al Valladolid per il francese, a sbloccare una partita che si stava facendo complicata per il Real Madrid. Grazie a Benzema, i Blancos di Ancelotti rimangono agganciati alla vetta e al Barcellona. Ma la prestazione dell’attaccante Pallone d’Oro riapre le polemiche col ct Deschamps.

Benzema doppietta Real

Valladolid 0 – Real Madrid 2. In realtà Valladolid 0 – Benzema 2, con una spruzzata di Courtois come sempre perché anche in questa occasione il portierone belga ci ha messo del suo con almeno 2-3 parate decisive. E meno male che in teoria, comunque, il Pallone d’Oro non era abile e arruolabile per la Francia. D’accordo, sono passate due settimane ormai dalla finale mondiale contro l’Argentina, però le polemiche che hanno infiammato i Bleus sono state assurde.

Infortunato, non infortunato, sano, l’agente che tira fuori i referti. Insomma, su Karim ne sono uscite di ogni, senza frasi ufficiali ma solo gesti a mezza voce, come alcuni follow sui social ad alcuni sì e ad alcuni no. Deschamps aveva ragione? Avrebbe fatto comodo contro l’Argentina? Senz’altro, ma anche la maniera un po’ cocciuta con cui il commissario tecnico francese ha fatto muro, evidentemente spalleggiato dalla federcalcio, ha fatto pari e patta con l’atteggiamento di Benzema.

Di certo c’è che ad oggi l’attaccante 35enne sta benissimo e ha ripreso la forma migliore. Due gol, Real in vetta fino almeno alla partita di stasera tra Barcellona ed Espanyol.

Benzema futuro Francia

Verrebbe da dire “meno male che adesso per un po’ non si parlerà di nazionali ma solo di club”. Il campo parla, ma le polemiche non possono sopirsi così facilmente. Rimarrà a lungo scolpito nella mente, tuttavia, come l’ambiente della nazionale francese fosse lacerato negli ultimi giorni, non solo per l’affaire riguardante il Pallone d’Oro.

Spie, virus del cammello, viaggi autorizzati per la finali o non autorizzati, polemiche a non finire. E per poco non era arrivata la vittoria nel mondiale. Con un Mbappé così c’era bisogno anche di Benzema? Probabile, un attaccante del genere non può mai essere un problema anche se l’anno scorso all’Europeo con il bomber del Real Madrid la Francia era andata a picco agli ottavi di finale contro la Svizzera, seppur solo ai rigori.

Di sicuro c’è che ad oggi Karim sta benissimo, il Real è tornato a non poter prescindere da lui dopo un mese di dentro e fuori dall’infermeria, appena prima del mondiale e la Champions League in arrivo tra una cinquantina di giorni non viene vista più con angoscia.