Perché in Portogallo si sta parlando (male) del Benfica

Belenenses-Benfica passerà alla storia per una delle più grande farse recenti del calcio portoghese: cosa è successo nel derby di Lisbona?

A pochi giorni dall’ennesimo scandalo extracalcistico che ha travolto il calcio locale, il Portogallo ha trovato nuovamente un modo per far parlare del proprio movimento. Ancora una volta, però, non in senso positivo. Anzi, leggere le prime pagine dei quotidiani domenica mattina è stato esercizio tragicomico.

Infortunio Belotti | quando rientra | tempi di recupero

Diario Record, uno dei giornali più venduti del paese, ci è andato giù pesante: “Una delle più grandi vergogne della nostra storia“. Parole dure, con sullo sfondo una foto di Belenenses-Benfica nella quale si vedevano i padroni di casa abbandonare il campo e gli ospiti, increduli, fermi in campo indecisi sul da farsi.

Cosa è successo in Belenenses-Benfica

Lo scandalo riguarda le condizioni nelle quali la partita si è giocata. Il Belenenses arrivava al match decimato dal Coronavirus: infatti, nella settimana che ha preceduto il derby, i biancoblu hanno perso praticamente tutta la prima squadra (14 elementi) per via di un’improvvisa epidemia interna.

Infortunio Pereyra | quando rientra | tempi di recupero

Così, dopo aver chiesto ripetutamente il rinvio della partita vedendosi ogni volta rispondere un no secco dalla federazione, i ragazzi di Filipe Candido – mandato in panchina al posto del primo allenatore, positivo anche lui – hanno chiuso sotto di sette gol il primo tempo per poi anticipare la fine del match.

Infortunio Neymar | quando rientra | tempi di recupero

A inizio ripresa, infatti, tre calciatori del Belenenses hanno finto un infortunio, costringendo così l’arbitro a sospendere la partita. Scesi in campo con soli nove uomini, due dei quali portieri schierati come calciatori di movimento, gli Azuis si sono anche segnati volontariamente un autogol dopo pochi secondi. Insomma, una farsa incredibile.

Le accuse delle big

Il Benfica in tutto questo è rimasto a guardare, cosa che non è piaciuta in primis alla società avversaria, che in settimana aveva più volte chiesto comprensione alle Aquile. Che, però, da quell’orecchio non ci hanno voluto sentire, negando al Belenenses il rinvio concordato della partita.

Così in molti si sono scagliati contro il club, in primis il Porto – quest’anno prepotentemente rientrato in corsa per il titolo -, che per bocca del direttore della comunicazione Francisco Marques ha commentato l’accaduto su Twitter.

“C’è sempre chi riesce a spedire il Portogallo dritto nel terzo mondo. Non si conosce vergogna“. Una stoccata a tutti, soprattutto a chi ha permesso che si giocasse, ma soprattutto al Benfica, rivale storica nonché avversaria nella corsa al campionato.

Infortunio Chiesa | quando rientra | tempi di recupero

“Bisogna riflettere su ciò che si è visto oggi” è invece il commento ufficiale dello Sporting, altra capolista e attuale campione in carica. Una posizione meno polemica, ma ugualmente forte. Che alimenta, anziché sopire, polemiche destinate ad andare avanti ancora per molto tempo.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI