Il CEO di Spotify vuole l’Arsenal: offerta da 2 miliardi

Daniel Ek, CEO di Spotify, ha avanzato una grossa offerta per rilevare l’Arsenal, coadiuvato da tre ex grandi leggende del club

Si chiama Daniel Ek, è svedese e, da un paio di giorni, ha reso noto la sua forte candidatura per l’acquisto dell’Arsenal. Se il nome del multimiliardario scandinavo non vi dice nulla, forse vi sarà più chiaro il personaggio sapendo che Ek è niente meno che l’ideatore e fondatore di Spotify, celebre piattaforma streaming presente ormai in tutto il mondo.

LEGGI ANCHE: Chi è Justin Che, il nuovo talento del Bayern Monaco

Lo svedese ha ufficialmente presentato un’offerta per rilevare la società del nord di Londra da Kroenke, contestatissimo in questi giorni per via dell’adesione alla Superlega. Per convincere l’attuale proprietario, Daniel Ek ha coinvolto anche tre ex grandi calciatori del club facenti parte di quell’Arsenal, quello degli Invincibili.

daniel ek
Fonte immagine: @ansacalciosport

Daniel Ek vuole l’Arsenal: grandi nomi come sponsor

Thierry Henry, Dennis Bergkamp e Patrick Vieira, secondo Sky Sports UK, si faranno garanti della bontà del progetto di Ek, che li avrebbe assoldati non solo per facilitarsi la strada verso l’obiettivo, ma anche e soprattutto perché, una volta acquisito l’Arsenal, i tre saranno coinvolti direttamente nella gestione sportiva dell’Arsenal.

LEGGI ANCHE: Juventus-Allegri: come sono andati gli altri ritorni

Daniel Ek ha espresso per la prima volta il suo interesse la scorsa settimana, dopo che i supporter dei Gunners hanno protestato fuori dall’Emirates Stadium contro l’attuale proprietà e il suo coinvolgimento nel fallimentare progetto della Superleague. Secondo Forbes, lo svedese porterebbe in dote un patrimonio stimato di 4,7 miliardi di euro e, nel 2017, è stato nominato da Billboard uomo più influente nel mondo della musica grazie all’esplosione del suo Spotify.

Arsenal, le proteste continuano

Intanto, i fan dell’Arsenal continuano con le manifestazioni di dissenso contro Kroenke e l’attuale board, al quale non solo non viene perdonata l’adesione alla Superlega, ma anche il modus operandi. Agire di nascosto, firmare un patto da milioni di euro senza prima rendere note le intenzioni ha avuto ripercussioni di rilievo, trasformatesi nelle proteste della settimana scorsa.

LEGGI ANCHE: La Ligue 1 dà i numeri: 4 da giocare, 3 squadre in 2 punti

Kroenke, già intenzionato a cedere il club, dopo gli ultimi avvenimenti potrebbe accelerare la trattativa per smarcarsi dall’Arsenal. Secondo la stampa inglese, l’offerta di Daniel Ek si aggirerebbe sui 2 miliardi di euro, con il nuovo proprietario che rileverebbe anche l’asset più importante della società londinese, ovvero l’Emirates Stadium, piccolo gioiello incastonato nel nord della città e fonte di grandi ricavi.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!