Chi è Andrea Radrizzani e come è arrivato ai vertici del Leeds

Andrea Radrizzani è il proprietario italiano del Leeds United che sta stupendo la Premier League: da dove è uscito fuori e qual è la sua storia?

LEGGI ANCHE: Dan Friedkin: quanto è ricco il proprietario della Roma?

Quando, nel gennaio 2017, comprò metà delle quote societarie del Leeds United, Andrea Radrizzani non fece molta notizia. I Peacocks avevano già un discusso proprietario italiano, Massimo Cellino, che era già stato proprietario del Cagliari (oggi possiede il Brescia) e in Italia aveva subito una condanna per evasione fiscale.

In pochi mesi, però, Radrizzani ha preso il controllo totale del club inglese e, attraverso una serie di importanti investimenti e l’arrivo in panchina dell’istrionico Marcelo Bielsa, ha ricondotto il Leeds in Premier League, dove oggi occupa la nona posizione davanti all’Arsenal.

Un self-made man italiano: chi è Andrea Radrizzani

LEGGI ANCHE: Leeds is back, 16 anni dopo è di nuovo in Premier League

Nato a Rho, vicino Milano, nel 1974, Andrea Radrizzani si è laureato in Pubbliche Relazioni alla IULM nel 1998, iniziando subito a lavorare come manager nel settore media sport, ovvero della comunicazione legata allo sport sui grandi media. La sua carriera lo ha portato presto in Cina, nel 2003, dove ha iniziato a lavorare in un’economia in espansione e sempre più interessata dal calcio europeo.

In questo periodo conosce Riccardo Silva, manager italiano molto interessato al busines del calcio (è il creatore dei Globe Soccer Awards e uno dei proprietari del Miami FC): i due fondano assieme a Singapore MP & Silva, società attiva nel settore del marketing sportivo e nell’emergente ambito dei diritti tv. Questa è la svolta: l’azienda diventa consulente per i diritti tv in Asia della Premier League, della Liga, della Formula 1, della NBA e anche delle competizioni UEFA, oltre che a collabroare con diversi club di Serie A.

LEGGI ANCHE: Cristiano Ronaldo è stato eletto calciatore del secolo a Dubai

Poi, nel 2014, Radrizzani si sfila, cedendo le sue quote di MP & Silva a un fondo governativo cinese e ottenendo in cambio 1 miliardo di dollari. La somma viene prontamente reinvestita nella fondazione di una società d’investinemti, Aser Ventures. Un anno dopo, attraverso di essa ha dato vita a Eleven Sports, un grande network internazioneale sportivo dedicato al calcio, che in breve si è diffuso in gran parte d’Europa e Asia, ottenendo i diritti di trasmissione di vari campionati europei.

L’acquisto del Leeds

Radrizzani è entrato nel Leeds prima come socio alla pari con Cellino, per poi rilevare tutte le quote del club. In quel momento, il Leeds stazionava nei bassifondi della Championship. I suoi iniziali investimenti sono stati focalizzati al consolidamento della società, decaduta dopo una lunga crisi finanziaria: ha riacquistato il Leeds Ladies, la squadra femminile che Cellino aveva svincolato da quella maschile, ed è tornato in possesso dello stadio di Elland Road, ceduto nel 2004 per far fronte ai debiti.

LEGGI ANCHE: Sul Leeds di Bielsa si sta facendo una narrativa sbagliata

Nel 2018 ha stretto una partnership con l’Aspire Academy di Doha, avveniristica struttura sportiva giovanile in Qatar che possiede già alcuni club in giro per l’Europa. Successivamente, ha ingaggiato un allenatore molto stimato come Marcelo Bielsa, che ha generato grande eco attorno al Leeds, e ha iniziato a stanziare somme sempre più importanti nell’acquisto di giocatori. Sul piano mediatico, ha stretto un accordo con Amazon per la realizzazione di un documentario sulla stagione 2018/19 del Leeds, intitolato Take Us Home.

Andrea Radrizzani: patrimonio e altri interessi

Non solo calcio e diritti tv: nel portfolio di Andrea Radrizzani ci sono anche Live Now, azienda che si occupa di trasmissioni di grandi eventi online, e F&B, catena di ristoranti a New York e Londra. Lui stesso ha dichiarato a Forbes che tra i suoi investimenti ci sono anche quelli nelle nuove tecnologie e nel settore immobiliare.

LEGGI ANCHE: Kyril Louis-Dreyfus, chi è il 23enne neo-proprietario del Sunderland

Ha dato vita anche alla fondazione Play For Change, che si occupa di sostenere attività educative per i più giovani in Nepal, ma anche nelle periferie di grandi città europee come Londra e Napoli.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!