Amiri al Genoa, il talento tedesco cerca il rilancio in Serie A

Nadiem Amiri arriva a rinforzare un Genoa in crisi e forse a un passo da un cambio in panchina: scopriamo chi è il talento tedesco in cerca di conferme.

Il Genoa prova a uscire dalla crisi affidandosi al talento di Nadiem Amiri: un mezzo colpo, date le potenzialità del centrocampista tedesco di origini afgane in arrivo dal Bayer Leverkusen, ma che necessità di ritrovare la continuità che gli è spesso sfuggita in carriera.

LEGGI ANCHE: Yeboah al Genoa, il ritorno in Italia della promessa scuola Novara

L’annuncio lo ha dato oggi Sky Sport, che però ancora non ha chiarito i dettagli dell’operazione, anche se sembra proprio che i liguri se lo staino assicurando a titolo definitivo. Già in queste ore, il giocatore starebbe sostenendo le visite mediche, pronto a un esordio che potrebbe anche avvenire a tempo di record, lunedì a Firenze in campionato.

Un talento a caccia di conferme

25 anni compiuti lo scorso ottobre, Nadiem Amiri è stato a lungo ritenuto uno dei più interessanti talenti del calcio tedesco, fin dai suoi esordi, appena 18enne, con l’Hoffenheim. Lanciato da Markus Gisdol, è esploso sotto la guida di Julian Nagelsmann, diventando anche un punto fermo della Nazionale U21, con cui ha vinto il titolo continentale nel 2017 e ha raggiunto il secondo posto nel torneo del 2019.

In quell’estate, Amiri ha infine lasciato l’Hoffenheim, in concomitanza con l’addio di Nagelsmann, trasferendosi per 9 milioni di euro al Bayer Leverkusen, dove ha lavorato agli ordini di Peter Bosz e ha conquistato una finale di Coppa di Germania.

LEGGI ANCHE: Bremer uomo mercato: caratteristiche tecniche, come gioca e stipendio

Purtroppo, l’esonero del tecnico olandese ha danneggiato lo status del centrocampista classe 1996 all’interno del club, che in questa stagione, con Gerardo Seoane in panchina, ha giocato solo scampoli di partita: solo tre volte dal primo minuto in Bundesliga e una in Europa League, la sua media di soli 34 minuti a partita tra tutte le competizioni, con 2 gol e 2 assist realizzati.

Nadiem Amiri, come gioca

Alto 180 centimetri, il nuovo acquisto del Genoa è un trequartista di piede destro dal fisico atletico e con un elevato tasso tecnico. Tradizionalmente gioca dietro le punte, ma nel corso della carriera ha rivestito spesso la posizione di ala sinistra, portato soprattutto a rientrare sul destro.

Tuttavia, nonostante queste caratteristiche tecniche, Amiri non è mai stato un giocatore particolarmente portato al gol, quanto al servire assist ai compagni: un’evoluzione vissuta in particolare a Leverkusen con Peter Bosz, che ha permesso al centrocampista tedesco di arrivare a servire in tutto 15 assist nelle due passate stagioni.

LEGGI ANCHE: Bruno Labbadia, un sampdoriano di Germania per il Genoa

Il suo limite, finora, è però stato quello di piacersi un po’ troppo, e di non riuscire sempre a incidere sul gioco della sua squadra. La discontinuità di Amiri è stata anche aggravata da alcuni infortuni che hanno iniziato a tormentarlo dall’estate del 2018, quando una frattura lo ha tenuto fuori praticamente per tutto il girone di andata.

Secondo molti analisti, la sua scelta da parte del Genoa sarebbe una conferma dell’imminente esonero di Shevchenko e la sostituzione con Bruno Labbadia: per le sue caratteristiche, Amiri sembra poco adatto a fare l’esterno sinistro nell’attacco dell’ucraino, mentre calzerebbe a pennello come trequartista nel 4-2-3-1 del nuovo obiettivo rossoblù. Il suo arrivo, inoltre, potrebbe rappresentare l’addio all’atalantino Miranchuk, seguito dai liguri nelle scorse settimane e richiesto proprio da Sheva.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI