Yeboah al Genoa, il ritorno in Italia della promessa scuola Novara

Yeboah è il nuovo rinforzo in attacco del Genoa: un talento giramondo partito dal Novara finalmente arrivato in Serie A.

Continua la campagna di rafforzamento del Genoa americano, con un altro interessante arrivo: Kelvin Yeboah, attacante classe 2000 che arriva dagli austriaci dello Sturm Graz, nato in Ghana ma cittadino italiano e attaccante dell’U21 azzurra.

LEGGI ANCHE: Appena acquistato e già pronto al debutto: chi è il nuovo terzino del Genoa

Qua in Italia ha sempre avuto poco spazio, ma la prima metà della sua stagione, appena oltre confine, è stata più che buona, e oggi questo attaccante approda finalmente in Serie A. Un investimento non irrilevante, per i liguri, che per assicurarsi il suo cartellino hanno dovuto sborsare ben 6,5 milioni di euro.

Da Novara a Genova, passando dall’Austria

14 gol e 10 assist in 28 partite, tra campionato, coppa ed Europa League. Numeri di tutto rispetto anche per la Bundesliga austriaca, se consideriamo che il gioiello del Salisburgo Adeyemi, nel mirino dell’Inter, viaggia su una media di 18 gol e 7 assist in 30 partite complessive.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Kelvin Yeboah (@y.kelvin_27)

Quanti se lo sarebbero immaginato, tra quelli che nella seconda metà degli anni Duemila, a Novara, avevano avuto a che fare con questo ragazzino. Yeboah è infatti nato ad Accra, ma è cresciuto a Bellinzago Novarese e, nel 2006, è entrato nei ragazzi del Novara, giocandovi fino al 2013, nel periodo d’oro del club piemontese.

LEGGI ANCHE: Dieci anni fa la A, adesso l’esclusione dai professionisti: storia della crisi del Novara

Poi il Monza, il West Ham e il Gozzano, in un’epoca in cui, in prima squadra, c’era il milanista Junior Messias. Ma l’esordio tra i professionisti è arrivato solo dopo il coraggioso trasferimento alla semisconosciuta squadra austriaca del WSG Swarowski Tirol, con cui ha ottenuto nel 2019 la promozione in prima divisione. 14 gol e 9 assist in due stagioni e mezza, bottino più che proficuo per un ragazzo a malapena maggiorenne, che gli sono valsi il passaggio al più blasonato Sturm Graz.

Nella scorsa stagione, Yeboah ha messo a segno 6 reti, conquistandosi un ruolo da titolare al centro del reparto offensivo di una squadra capace di raggiungere il quarto posto in classifica, e che oggi si trova, soprattutto grazie ai suoi gol, in seconda posizione dietro la corazzata Salisburgo. Un’annata d’oro, per il novarese, che lo scorso settembre è stato finalmente convocato da Nicolato con l’U21, prendendo parte a due sfide di qualificazione agli Europei di categoria.

Kelvin Yeboah: caratteristiche tecniche

Il calcio è qualcosa che il nuovo attaccante del Genoa ha nel sangue, grazie allo zio Anthony Yeboah, finalista della Coppa d’Africa nel 1992 e noto per aver giocato in Europa negli anni Novanta con le maglie di Eintracht Francoforte, Leeds e Amburgo. Epoca diversa, stesso ruolo, ma caratteristiche diverse, in comune i due sembrano comunque avere il fiuto del gol.

LEGGI ANCHE: Tra Lobanovskyi e Ancelotti: come giocherà Shevchenko al Genoa

Rispetto al parente illustre, Kelvin Yeboah ha una struttura fisica più snella più longilinea e maggiore dinamismo. Qualità che lo rendono impiegabile non solo come centravanti, ma pure come attaccante esterno. Un retaggio dei suoi anni giovanili in Italia, quando veniva impiegato come terzino destro.

Con lui, il Genoa trova un jolly offensivo che può apportare un’importante quota gol a un reparto che è il quart’ultimo per efficacia in Serie A e in cui, tolto Destro (8 eti e 7 match saltati per infortunio), sei giocatori sono riusciti a segnare appena 2 reti in campionato (una Caicedo, al Torino, e una Bianchi, all’Empoli).

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI