HomeCuriositàNon solo calcio: Zielinski apre due orfanotrofi per i bambini polacchi

Non solo calcio: Zielinski apre due orfanotrofi per i bambini polacchi

Zielinski, centrocampista molto amato dai tifosi del Napoli, si segnala non solo per ciò che fa in campo, ma anche per le iniziative sociali in Polonia

LEGGI ANCHE: Napoli, arriva la partnership con Konami: tutte le novità

Piotr Zielinski colpisce nel segno anche fuori dal campo: il centrocampista del Napoli, infatti, si è segnalato in Polonia per un’importante iniziativa benefica, acquistando due edifici e ristrutturandoli per farne due orfanotrofi.

L’attenzione per il sociale e ai bambini bisognosi e con problemi famigliari è un tema che Zielinski conosce molto bene, dato che i suoi genitori sono da sempre impegnati su questo specifico fronte nella loro città.

Zielinski e il sociale: l’iniziativa in Polonia

LEGGI ANCHE: Niente Chelsea-Real per Marcelo? Colpa delle elezioni a Madrid

Il calciatore polacco è originario di Zabkowice Slaskie, una cittadina di circa 22.000 abitanti sita nella zona sud-occidentale della Polonia, vicino al confine con la Repubblica Ceca. Qui, la famiglia Zielinski è da tempo attiva nella beneficenza: fin dal 2002, i genitori del centrocampista del Napoli si prendono cura dei bambini che vengono affidati loro dai servizi sociali, con problemi famigliari legati a genitori alcolisti, episodi di violenza e gravi problemi economici.

“All’inizio era assolutamente terrorizzato” ha spiegato Boguslaw Zielinski, padre del calciatore, rievocando quando suo figlio vide arrivare a casa i primi bambini affidati alla sua famiglia: all’epoca, Zielinski non aveva nemmeno 10 anni. Ma con il tempo, ha imparato a riconoscere in quei bambini dei suoi fratelli.

LEGGI ANCHE: Da Upamecano a Werner: tutti i talenti lanciati da Rangnick

Nel novembre 2015, quando aveva solo 21 anni e stava iniziando a farsi conoscere in Italia con la maglia dell’Empoli, Zielinski ha acquistato due edifici a Zabkowice e ha deciso di fondare l’associazione “Piotrus Pan” (“Peter Pan” in polacco, ma che è anche un riferimento al nome del calciatore). “L’iniziativa è partita da lui, è stata una sua idea” ha spiegato il padre alla stampa locale, con un certo orgoglio.

I due edifici sono stati trasformati in due case per ospitare bambini orfani o con altri problemi famigliari, e a gestire le strutture sono stati messi proprio i coniugi Zielinski, genitori del calciatore. Lui stesso, però, quando si trova in Polonia passa spesso del tempo con i ragazzi, giocando con loro a pallone o ai videogiochi.

LEGGI ANCHE: Perché i tifosi della Roma hanno manifestato contro Solskjaer

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti

Resta aggiornato con Telegram