Rooney allenatori giocatori

L’ex bomber del Manchester United Rooney esordirà nel fine settimana come allenatore-giocatore del Derby County, riprendendo una tradizione propria del calcio inglese. Tutti gli allenatori giocatori più famosi

Dare disposizioni ai compagni e continuare ad assediare la porta avversaria: questo sarà il compito al Derby County di Wayne Rooney, nominato allenatore-giocatore dopo l’esonero di Philip Cocu. Un doppio ruolo che Wazza accoglie con entusiasmo, oltre che con la convinzione di dedicarsi a breve solamente alla panchina.

Curiose le parole di Rooney nella prima conferenza stampa da player-manager, visto che ha dichiarato di non avere Alex Ferguson come tecnico di riferimento. Una scelta probabilmente figlia di un rapporto tra i due che ha vissuto alti e bassi nella comune esperienza al Manchester United. Sarà il campo a dire come Rooney interpreterà questo ruolo particolare, che ha avuto predecessori illustri nel calcio inglese. Ecco gli allenatori giocatori più famosi.

Kenny Dalglish, allenatore giocatore del Liverpool

La carrellata degli allenatori-giocatori del calcio inglese, riportata in auge da Rooney, parte con Kenny Dalglish: straordinaria icona del Liverpool negli anni ’70 e ’80. Dopo aver vinto trofei in serie con i Reds sia a livello nazionale che europeo, nell’estate del 1985 il club chiede al campione scozzese di dividersi tra campo e panchina.

Calciatori positivi Serie A | la lista | diversi i contagi

Dalglish risponde presente, guidando i compagni dalla panchina con lo stesso carisma mostrato in campo. Tra il 1985 e il 1990 fioccano i trofei: tre campionati, 2 FA Cup e 4 Charity Shield. Il doppio impego risulta però logorante per lo scozzese, alla lunga in difficoltà nel gestire le responsabilità di guida sia dentro che fuori dal campo. Una situazione che lo porta a rassegnare le dimissioni 22 febbraio 1991.

Calciatori positivi Covid, protocollo serie A: cosa succede?

Gullit-Vialli: staffetta da allenatori giocatori nel doppio ruolo al Chelsea

La tradizione degli allenatori giocatori prosegue negli anni ’90, portata avanti dal Chelsea. I Blues, nelle cui file gioca Ruud Gullit a partire dalla stagione 1995/96, decidono di affidare all’olandese il ruolo di allenatore-giocatore. Una scelta sorprendente ma azzeccata, perché l’ex Milan e Sampdoria porta il Chelsea alla conquista della FA Cup. Un successo storico per Gullit, che diventa il primo allenatore non britannico a conquistare questo trofeo.

Dalla Fiorentina all’Italia: com’è cambiato il gioco di Roberto Mancini?

L’esperienza dell’ex fuoriclasse del Milan prosegue con più ombre che luci, tanto che viene esonerato nel febbraio del 1998. Al suo posto viene ingaggiato Gianluca Vialli, già presente nella rosa del Chelsea e chiamato anch’egli a dividersi tra campo e panchina. La stagione sembra essere ormai compromessa, ma Vialli riesce a guidare i Blues alla conquista di tre trofei importanti: Coppa delle Coppe, League Cup e Supercoppa Europea.

Il Monaco 2016/2017 sembra già di un’altra epoca

Ryan Giggs: fugace esperienza tra campo e panchina

L’ultimo caso eclatante di giocatore a fine carriera chiamato a mostrare contemporaneamente le sue qualità sia in campo che in panchina è quello di Ryan Giggs. L’esterno gallese – insieme a tanti altri campioni, tar cui Rooney – è uno degli elementi fondamentali del Manchester United di Alex Ferguson, tra le squadre alfa del calcio mondiale tra gli anni ’90 e il primo decennio degli anni 2000. Un periodo d’oro, alla quale segue una fase delicata dopo l’addio di Ferguson.

Carlos Bianchi, il Virrey del calcio argentino

Al suo posto viene chiamato David Moyes, i cui risultati sono decisamente al di sotto delle aspettative. L’ex mister dell’Everton così viene esonerato prima della conclusione della stagione 2013/14. Al suo posto serve un traghettatore e la scelta ricade proprio su Giggs, agli ultimi mesi di carriera. Il gallese ricopre questo doppio ruolo con la professionalità che lo ha sempre contraddistinto, chiudendo un’annata povera di soddisfazioni per poi rimanere allo United per altre due stagioni come vice di Louis Van Gaal.

Com’era il calcio ai tempi dell’esordio di Buffon in Serie A