Thorsby Inter: perché può essere il rinforzo giusto

Thorsby è nel mirino dell’Inter, a caccia di rinforzi per il proprio centrocampo in vista della seconda parte della stagione. Ecco perché può essere un buon acquisto.

Simone Inzaghi cerca rinforzi nella metà campo, e Marotta presenta una proposta molto allettante: il sampdoriano Morten Thorsby. Il norvegese potrebbe diventare il prossimo acquisto dell’Inter, specialmente ora che il club blucerchiato sembra interessato a Stefano Sensi.

LEGGI ANCHE: Attratto dalla serie A, il Napoli tenta il colpo inaspettato

Per i nerazzurri, questo potrebbe rivelarsi un altro innesto utile per dare profondità alla rosa nella parte decisiva della stagione, che vedrà la squadra milanese lottare su tre fronti diversi, con l’obbligo implicito di portare a casa almeno un trofeo, con logica preferenza per lo scudetto.

Perché all’Inter serve Thorsby: l’aspetto tattico

Thorsby è un mediano di ottime qualità atletiche, che a Genova ha dimostrato, specialmente quest’anno con D’Aversa, di essere riutilizzabile in diverse aree del campo. Alla Sampdoria viene infatti spesso schierato anche da esterno sinistro, seppure le sue caratteristiche siano prettamente difensive e di copertura, ma in passato ha giocato anche largo a destra, talvolta addirittura da terzino.

La duttilità è quindi un’arma preziosissima su cui Inzaghi potrebbe fare largo affidamento, coem ha già dimostrato con la grande fiducia data fin qui a Dimarco. Inoltre, l’Inter deve riempire un vuoto nel settore mediano: Sensi, a livello fisico, non garantisce affidabilità, mentre Vecino è ormai in uscita ed è stato impiegato col contagocce dall’allenatore. A questo si aggiunge il bisogno di trovare un rimpiazzo per il prossimo futuro ad Arturo Vidal, ormai 34enne.

LEGGI ANCHE: Coutinho affonda lo United: Gerrard ha scelto il talento

Il norvegese della Samp sembra la risposta perfetta. Sebbene non vanti una qualità tecnica al livello degli altri tre citati (in particolare di Sensi, con cui potrebbe essere scambiato), può essere un’alternativa a basso costo a Barella per intensità di gioco, e soprattutto garantisce continuità. Da quando è arrivato a Genova, ha saltato appena 5 partite per motivi di salute, di cui 3 per questioni influenzali e non fisiche.

Perché all’Inter serve Thorsby: l’aspetto economico

Come detto sopra, all’Inter serve un rinforzo a centrocampo, soprattutto per far rifiatare Barella, vera colonna dei nerazzurri in questa prima parte della stagione. I due nomi tirati in ballo sono stati Frattesi e Nandez, il primo costerebbe 15 milioni di euro, mentre il secondo 25. A queste cifre poi si aggiungerebbero quelle degli stipendi, che specialmente nel caso dell’uruguayano potrebbe essere superiore ai 2 milioni l’anno.

Per contro, l’opzione Thorsby è molto più economica e facile da raggiungere. L’estate scorsa, all’interesse del Napoli per il novergese la Samp aveva risposto fissando il prezzo a 7,5 milioni: oggi potrebbe essere un po’ più alto, ma si abbasserebbe se nella trattativa venisse inserito Sensi come contropartita.

LEGGI ANCHE: Damsgaard infortunio: che fine ha fatto il centrocampista della Sampdoria

Lo stipendio del centrocampista scandinavo è un altro aspetto da tenere in considerazione, visto che guadagna appena 500.000 euro a stagione, meno anche di Frattesi. Il suo accordo con il club blucerchiato andrà in scadenza solo a giugno 2023, ma la stagione poco positiva dei liguri e la necessità di incassare dovrebbe giocare a favore della trattativa interista.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI