L’allenatore dello Sheriff Tiraspol è andato in guerra

Jurij Vernydub, allenatore dello Sheriff Tiraspol, ha lasciato la panchina del club moldavo per andare nella sua Ucraina a combattere contro l’invasione russa.

Dalla Champions League alla guerra: secondo quanto riporta il Daily Mail, Jurij Vernydub, allenatore dello Sheriff Tiraspol, avrebbe lasciato la panchina del club per andare in Ucraina, suo paese d’origine, per combattere contro gli invasori russi.

Solo cinque mesi fa guidava il sorprendente club moldavo, alla prima partecipazione ai gironi di Champions League, a ottenere una clamorosa vittoria sul Real Madrid, mentre ora avrebbe passato il confine per tornare a casa, imbracciando il fucile. A confermarlo, anche una sua fotografia, circolata molto sui social, in uniforme militare assieme ad altri due soldati.

Chi è Vernydub, il tecnico dello Sheriff Tiraspol che combatte in Ucraina

Nato a Zytomyr, nell’Ucraina settentrionale, nel 1966, Jurij Vernydub ha avuto una modesta carriera da centrocampista, culminata in tre stagioni allo Zenit San Pietroburgo tra il 1997 e il 2000, appena prima di ritirarsi. Successivamente è divenuto allenatore, noto soprattutto per aver guidato, tra il 2011 e il 2019, lo Zorja Luhansk, una squadra di una delle due repubbliche separatiste del Donbass riconosciute dalla Russia nei giorni scorsi.

Nel 2020, dopo una breve parentesi allo Shakhter Soligorsk, in Bielorussia, si è trasferito in Moldavia per guidare lo Sheriff Tiraspol, con cui ha vinto il campionato e ottenuto una storica qualificazione ai gironi di Champions League. Una cosa ancora più incredibile, considerato che oggi combatte contro la Russia, dato che lo Sheriff è notoriamento il club simbolo della Transnistria, una repubblica separatista filo-russa in Moldavia, con forti legami con lo stato.

Proprio giovedì sera, poche ore dopo lo scoppio del conflitto in Ucraina, lo Sheriff Tiraspol veniva eliminato dall’Europa League ai calci di rigore dal Braga, ma la stagione dei transnistriani non è ancora finita: il 12 aprile giocheranno i quarti di coppa nazionale contro il Petrocub, mentre il campionato – che attualmente guidano con due punti di vantaggio, ma anche due partite in meno rispetto alla seconda – si concluderà solo il 14 maggio, tra 11 partite.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI