Via da Londra a gennaio: al Chelsea solo 6 mesi

Saul Niguez, la sua avventura al Chelsea è già al capolinea? La situazione dello spagnolo che sta faticando molto lontano da Madrid.

Arrivato in pompa magna negli ultimi istanti del calciomercato estivo, Saul Niguez finora è un vero e proprio oggetto misterioso al Chelsea. Lo spagnolo ha collezionato finora appena 238 minuti in campo con i Blues, quasi gli stessi che aveva messo a referto nelle prime tre uscite stagionali con i Colchoneros, prima della cessione al Chelsea. Cinque presenze per Saul, che ha giocato 45 minuti nella sua prima partita di Premier, con l’Aston Villa, e poi appena due minuti nella sfida col Newcastle. Per il resto, 25 minuti in Champions contro il Malmo e due presenze in Coppa di Lega. Il bottino di Saul finora, per usare un eufemismo, è decisamente deludente.

LEGGI ANCHE: Dal record horror al riscatto: c’è lui dietro all’exploit del West Ham

Quale futuro per Saul?

In molti, a questo punto, si chiedono quali siano i motivi di queste difficoltà per lo spagnolo e quale futuro ci sia in serbo per lui. Chiaramente, l’ex Atletico è scontento, non si aspettava di fare tutta questa fatica nella sua avventura e sta guardando con rammarico al suo passato in patria. Al Chelsea non sembra esserci spazio per lui e il suo futuro sembra già lontano da Madrid, con la possibilità di tornare in Spagna già a gennaio.

Difficile spiegare le motivazioni di queste difficoltà. Saul ha avuto l’occasione di giocare in Premier solo alla sua prima partita, uscendo però al termine del primo tempo nella sfida con l’Aston Villa. Un impatto molto negativo, ma comprensibile considerando che lo spagnolo arrivava da un calcio diverso. Da lì, però, Tuchel non gli ha concesso altre possibilità, se non in coppa, non pervenendo dunque miglioramenti da parte del calciatore.

Tuchel è rimasto deluso dal centrocampista, così come Saul dal trattamento ricevuto a Londra, come ha sottolineato il suo entourage. Ora, secondo As, nel futuro dello spagnolo c’è il ritorno a casa, all’Atletico Madrid, considerando che il Chelsea non ha alcuna intenzione di spendere i 40 milioni previsti per il suo riscatto. Il futuro di Saul sembra essere rivolto verso il suo passato, com’è stato per tanti altri calciatori dell’Atletico Madrid.

LEGGI ANCHE: Perché, nonostante tutto, Solskjaer potrebbe non essere esonerato?

Saul e i suoi predecessori

Sembra infatti particolarmente dura la vita lontano da Madrid per gli ex Colchoneros. Sono parecchi infatti i giocatori che, lasciata la Madrid biancorossa, hanno dovuto farci ritorno per ritrovarsi. L’ultimo esempio riguarda proprio Antoine Griezmann, che dopo la fallimentare esperienza al Barcellona è tornato all’Atletico, dove lentamente si sta ritrovando.

Prima di lui anche Diego Costa, che ha fatto proprio il percorso che rischia di fare Saul, col ritorno all’Atletico dopo l’esperienza al Chelsea, anche se il brasiliano a Londra ha comunque giocato per tre stagioni e mezzo, con alterne fortune. Un altro che ha fatto questo percorso è stato Filipe Luis, di ritorno a Madrid dopo appena una stagione al Chelsea. Ora sembrerebbe essere arrivato il momento di Saul, ennesimo giocatore che ha provato a cercare fortuna lontano dall’Atletico Madrid, solo per poi fare ritorno e ricominciare da dove aveva lasciato.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI