HomeSerie ACome cambia il Milan con la Champions League

Come cambia il Milan con la Champions League

Da Kessié a Donnarumma passando per lo spinoso intrigo Calhanoglu: in casa Milan entra nel vivo il discorso legato ai rinnovi di contratto

Dopo una stagione passata nei quartieri alti della classifica, il Milan torna in Champions League a qualche anno di distanza dall’ultima volta. Centrare la qualificazione alla manifestazione per club più ricca e importante del mondo era fondamentale per rimettere in moto una macchina economica che, sulla carta, potrebbe permettere ai rossoneri di tornare ai vertici del calcio italiano.

LEGGI ANCHE: Tutti i rigori del Milan, uno per uno

La doppietta segnata da Kessié a Bergamo rappresenta infatti una sorta di crocevia nel quale il centrocampista ivoriano, pietra angolare del Milan targato Pioli, dovrà essere per forza uno dei capisaldi della squadra che dal prossimo anno tornerà a calcare platee internazionali di un certo livello. E, proprio per questo, è fondamentale che il Milan rinnovi la fiducia a lui e agli altri calciatori in scadenza.

kessie
Fonte: @franckkessie (Instagram)

Rinnovi Milan, la situazione Kessié

Infatti, Kessié ha un vincolo che si concluderà nel 2022 e, di conseguenza, è possibile che senza rinnovo l’ivoriano nella prossima stagione possa già cominciare a guardarsi intorno. Proprio per questo è necessario che il Milan si sieda al più presto a un tavolo per trattarne il rinnovo: Kessié, così come tanti altri calciatori presenti in rosa, ha disputato una stagione strepitosa e potrebbe avere sulle proprie tracce diversi estimatori.

LEGGI ANCHE: Qual è il record di rigori in una stagione?

Secondo Di Marzio, la dirigenza rossonera – che ora può ragionare in base alla sicurezza di introiti maggiori – nei prossimi giorni contatterà l’agente del centrocampista per avanzare una prima proposta di estensione, in modo tale da solleticare Kessié con un rialzo dello stipendio e la sicurezza di renderlo ancora più il centro gravitazionale rossonero. I rapporti tra gli agenti e il Milan sono comunque molto buoni, quindi sul rinnovo dell’ivoriano c’è moderato ottimismo.

calhanoglu
Fonte Immagine: @hakanc10 (Twitter)

Rinnovi Milan, da Donnarumma a Calhanoglu

Capitolo Donnarumma: tra poco più di un mese il contratto del portiere con il Milan terminerà, ma la qualificazione in Champions è senz’altro una carta che i rossoneri possono ragionevolmente giocarsi con Mino Raiola, una condizione essenziale perché possano aprirsi spiragli in un rinnovo non ancora arrivato a oggi.

LEGGI ANCHE: Champions League 2021/2022: squadre partecipanti e calendario

Pretattica, certo, perché Donnarumma è tra i portieri più forti al mondo e la vetrina internazionale non può più aspettare. In attesa di sviluppi, la Juventus tiene sempre sotto controllo la situazione: l’idea bianconera è sempre la stessa, ovvero tastare il terreno per Gigio e contestualmente fare una corposa plusvalenza su Szczesny. Insomma, prendere due piccioni con la classica fava.

LEGGI ANCHE: Europa League 2021/2022: squadre partecipanti e calendario

Diverso, invece, è il discorso legato ad Hakan Calhanoglu, meno legato sentimentalmente al Milan e quindi più pragmatico nei ragionamenti. Il turco ha chiesto uno stipendio raddoppiato e la dirigenza nicchia, perché se da una parte va salvaguardato il discorso tecnico dall’altra c’è un bilancio, e un monte ingaggi, da tenere d’occhio. L’impressione è che una proposta verrà avanzata, in attesa di capire se Calhanoglu verrà stuzzicato da qualcosa di economicamente non pareggiabile per i rossoneri.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Hakan Çalhanoglu ⚽️? (@hakancalhanoglu)

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti