Perché le plusvalenze sono tornate nel mirino della Covisoc?

La Covisoc ha spedito una relazione alla FIGC in cui viene denunciato il solito sistema delle plusvalenze gonfiate: nel mirino c’è anche la Juventus

Calciatori valutati senza una reale ragione sportiva. Con queste sette parole la Covisoc, ovvero la Commissione di vigilanza sulle società di calcio, ha chiuso la lettera indirizzata al procuratore della FIGC Giuseppe Chinè e al presidente federale Gravina, contenente una relazione dettagliata su una questione che in Italia è già stata ampiamente dibattuta.

L’Atletico Madrid sarà il primo club spagnolo totalmente ‘green’

Si tratta, infatti, ancora una volta del tema plusvalenze: nello specifico, il report della Covisoc pone sotto la lente di ingrandimento una sessantina di trasferimenti avvenuti tra il 2019 e il 2021, menzionati sotto forma di scambi a prezzi molto alti senza però muovere altrettanti soldi presenti nelle casse dei club.

Aké
Fonte: profilo ufficiale Instagram @marley.ake

Plusvalenze gonfiate: la Covisoc lancia l’allarme

Questi affari per la Covisoc incidono molto sui bilanci delle squadre di calcio. Il tema plusvalenze è molto delicato, ma nella relazione – oltre a rimarcare una situazione generale che sta diventando insostenibile – vengono fatti anche nomi, cognomi e soprattutto vengono menzionate anche le società che avrebbero, condizionale d’obbligo, pompato le valutazioni dei propri tesserati.

Sky o DAZN, dove vedere la Serie A: il calendario completo

Una su tutte, la Juventus: pochi mesi fa i bianconeri imbastirono uno scambio di mercato con il Marsiglia, mandando in Costa Azzurra il centrocampista Franco Tongya e prendendo in cambio l’esterno Marley Aké, valutandoli 8 milioni di euro cadauno senza apparenti meriti sportivi.

Oppure il Napoli, che nell’affare Osimhen spedì a Lille ben quattro giovani del proprio settore giovanile, valutati complessivamente 20 milioni di euro. Tre di loro sono tornati in Italia dopo pochi mesi e attualmente sono dispersi tra la Serie C e la D, il quarto è ancora in Francia ma non gioca mai.

stipendi juventus
Fonte immagine: InsideFoto

Il caso Juventus

Oltre all’affare Tongya-Aké, la Juventus in questa relazione viene descritta come club che fa utilizzo abitudinario di questa strategia delle plusvalenze gonfiate. Infatti, la Covisoc snocciola anche qualche numero, precisando che sarebbero ben 42 i trasferimenti bianconeri interessati, 21 dei quali avrebbero generato la bellezza di 90 milioni di euro.

Juventus, un top per il centrocampo: il nome scelto da Allegri

Queste operazioni avrebbero però fatto circolare soltanto 3 milioni di euro, producendo benefici al bilancio della Juventus per circa 40 milioni di euro. A tutto ciò va aggiunta l’indagine del 2018 che aveva nel mirino i trasferimenti di Inter e Milan, arenatasi per un motivo molto semplice: al momento, non esistono parametri per stabilire se il valore di una cessione o scambio sia o meno congruo.

Perché il Chievo è stato escluso dalla Serie B

Ergo, più che un report quella della Covisoc sembrerebbe più un’indagine esplorativa, capace di evidenziare un sistema ormai tristemente ben noto tralasciando ben aperto il tema di cui sopra. LA conclusione, quindi, è che fino a quando qualche organo superiore non farà chiarezza una volta per tutte, in questi casi è impossibile che sussista anche solo l’ipotesi di reato.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI