Buone notizie per Osimhen: ecco quando tornerà in cmapo il nigeriano

Osimhen si era infortunato ieri in allenamento, ma dopo gli esami odierni il Napoli tira un sosprio di sollievo.

Può tranquillizzarsi, Luciano Spalletti, e con lui tutti i tifosi napoletani: gli esami strumentali svolti oggi hanno appurato che l’infortunio patito da Victor Osimhen è meno grave del previsto, e la punta nigeriana tornerà presto a disposizione.

Il giocatore si era infortunato ieri nel corso dell’allenamento, e le sue condizioni avevano fatto temere il peggio, visto la delicata fase finale del campionato, con i partenopei che occupano la seconda posizione in Serie A, a un solo punto dal Milan capolista.

L’infortunio di Osimhen

Ieri, mercoledì 6 aprile, il nigeriano aveva interrotto anzi tempo l’allenamento nel centro sportivo di Castel Volturno, dirigendosi dalla staff tecnico lamentando un risentimento al flessore: “Sento un po’ di dolore, forse è meglio se mi fermo” aveva detto, secondo quanto riportato stamattina sul Corriere dello Sport.

La preoccupazione attorno alle sue condizioni è subito cresciuta, anche se il giocatore era riuscito a tornare a casa da solo sulla propria auto, e lo stop all’allenamento è stato solo di tipo precauzionale. Il problema principale era appunto quello di evitare un peggioramento del suo stato fisico, dato che Osimhen ha già dovuto saltare non poche partite, in queste due stagioni a Napoli, per infortuni di vario tipo (14 solo quest’anno, tra polpaccio e zigomo).

Quando rientrerà Osimhen

Nella mattinata di giovedì si è proceduto con gli esami più approfondito da parte dello staff medico azzurro, e il risultato ha confermato i migliori presagi del giorno precedente: nessuna lesione muscolare per il nigeriano, che così ha potuto dedicarsi in seguito ad allenamenti differenziati in palestra e in campo, per recuperare con calma la condizione migliore.

Al momento, la possibilità di vederlo in campo dal primo minuto domenica contro la Fiorentina è molto alta. Questa sarà la prima di sette partite fondamentali da qui alla fine del campionato, con la squadra di Spalletti che ha tutte le carte in regola per dare l’assalto a uno scudetto che, a Napoli, manca dal 1990.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI