neymar
Fonte Immagine: @JovemPanEsporte (Twitter)

Neymar e Alvaro Gonzalez sono tornati a scontrarsi sul campo da gioco, dopo lo scontro avuto nel match d’apertura della Ligue 1 tra il PSG e l’Olympique Marsiglia. Il duello tra i due, tra campo e social network, continua senza esclusione di colpi.

Che non corra buon sangue tra Alvaro Gonzalez e Neymar è ormai appurato. Nella sfida di Ligue 1 di ieri sera tra i loro rispettivi club, Olympique Marsiglia e Paris Saint-Germain, i due giocatori si sono affrontati di nuovo in maniera molto dura, finendo anche questa volta sulle pagine di giornali e siti sportivi.

Già, perché i due erano già stati protagonisti in negativo della gara di andata, disputata a settembre e chiusa con una rocambolesca vittoria dell’OM al Parco dei Principi. Ieri sera, invece, sono stati i parigini a espugnare il Velodrome.

Neymar contro Alvaro Gonzalez

Neymar è stato tenuto inizialmente a riposo da Pochettino e, quando è entrato in campo dopo quasi un’ora di gioco, il risultato era già sul 2-0 per i suoi, grazie alle reti di Mbappé e Icardi. Ma solo un minuto dopo, Alvaro Gonzalez ricordava al brasiliano i loro trascorsi con un intervento a gamba alta che, nel tentativo di spazzare un pallone, finiva per mettere un piede in faccia a Neymar.

L’intervento di Gonzalez non ha avuto gravi conseguenze su Neymar e neppure per il Marsiglia, visto che l’arbitro non ha ravvisato alcun fallo. Le ha avute, invece, proprio sul difensore spagnolo, che ha subito un infortunio al ginocchio sinistro nello scontro con il rivale. Cosa che non ha mancato di suscitare ironie sui social, in merito al karma che avrebbe punito il difensore per il suo intervento scomposto, graziato dal direttore di gara.

Leggi anche:  Lille, macchina da gol che vince con gli sconosciuti

Gonzalez ha stretto i denti, continuando a giocare altri 13 minuti, quando è infine stato sostituito da Lucas Perrin. Lo spagnolo sarà sottoposto a una risonanza magnetica per verificare l’entità dell’infortunio, come ha spiegato a fine partita Nasser Larguet, l’allenatore dell’OM, chiamato momentaneamente a sostituire il dimissionario André Villas-Boas.

LEGGI ANCHE: Ntcham, Villas-Boas e i motivi della crisi al Marsiglia

Il precedente in campionato

Come abbiamo detto, non è la prima volta che Neymar e Alvaro Gonzalez arrivano a scontrarsi duramente in campo. Lo scorso 13 settembre, nella prima partita della stagione di Ligue 1, i due avevano dato vita a un litigio molto plateale: in una partita già molto tesa, il brasiliano accusò a un certo punto Gonzalez di avergli riferito un insulto razzista, negato dallo spagnolo (noto però per la sua vicinanza al partito di estrema destra spagnolo Vox).

L’arbitro non aveva punito Gonzalez, e così poco dopo Neymar decise di farsi giustizia da solo, ricevendo un cartellino rosso a partita ormai terminata. Ma la cosa non finì lì, perché il brasiliano continuò a polemizzare sui social, accusando nuovamente lo spagnolo. Gonzalez replicò negando ancora le accuse di razzismo, a accusando a sua volta Neymar di non saper perdere e di non avere rispetto per gli avversari. L’attaccante verdeoro ribatté allora con un secco “Non ti rispetto, razzista!”

Le due squadre sono poi tornate a confrontarsi il 13 gennaio nel Trophée des Champions, ovvero la Supercoppa francese, vinta dal PSG con rete decisiva proprio di Neymar all’85° minuto. In campo tutto è stato abbastanza tranquillo, ma nel post-partita il brasiliano ha messo online un tweet provocatorio contro Gonzalez, che ha risposto con l’immagine di un contrasto in campo tra i due e il commento “I miei genitori mi hanno insegnato a portare fuori la spazzatura“. Il litigio è poi proseguito oltre, ma lasciamo a voi lettori l’onore di approfondirlo.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: Instagram, Facebook, Twitter e Flipboard!

Leggi anche:  Il Marsiglia ha cambiato presidente e allenatore, senza dirlo a nessuno