A cosa serve la Nations League?

Nations League, nella giornata di oggi ci verranno decretate le prime quattro posizioni della seconda edizione della competizione.

Oggi si giocheranno le due finali della seconda edizione di Nations League: all’Allianz Stadium di Torino verrà deciso chi tra Italia e Belgio salirà sul gradino più basso del podio, mentre a San Siro verrà decretato il secondo vincitore della storia del torneo.

Negli ultimi giorni si è molto dibattuto sull’utilità di questa nuova competizione UEFA, che sembra non piacere molto né ai tifosi né ad alcuni calciatori. Uno di questi è il portiere belga del Real Madrid Thibaut Courtois, che negli scorsi giorni ha fatto sapere di ritenere inutile la finalina per il terzo posto.

belgio
Antoine Griezmann of France during the Uefa Nations League semi-final football match between Belgium and France at Juventus stadium in Torino (Italy), October 7th, 2021. Photo Andrea Staccioli / Insidefoto

Leggi anche | Donnarumma da record, è il capitano più giovane dal 1965

Nations League, come funziona

Qual è il format della competizione? Le squadre sono divise in quattro categorie, le quali vanno dalla A (la principale, che considera le dodici nazionali con il ranking più alto) alla D.

Le quattro vincitrici dei gironi più importanti si sfidano alla Final Four, mentre l’ultima classificata retrocede nel girone B. Questo meccanismo di promozioni e retrocessioni coinvolge tutte le prime e ultime classificate delle varie categorie.

Trofeo Nations League
fonte immagine: profilo Ig @bianconeripeople

Leggi anche | Italia senza Spinazzola: la statistica negativa

Nations League, a cosa serve

Come detto, nelle ultime settimane sono piovute numerose critiche addosso alla giovane competizione europea. In effetti, almeno per il momento, il nuovo torneo non ha un prestigio paragonabile a quello di Europei e Mondiali.

Anche il premio in denaro non è cosi consistente: la vittoria degli Europei ha portato nelle casse della Federazione italiana quasi 30 milioni di euro, mentre la vincente di stasera tra Francia e Spagna ne incasserà appena 4,5 milioni.

Iscriviti al nostro canale YOUTUBE

A cosa serve allora la Nations League? La UEFA l’ha pensata per sostituirla alle banali amichevoli, dando la possibilità alle varie nazionali di affrontare squadre dello stello livello e stimolando i top player proponendo loro sempre più partite di cartello. Inoltre, va considerato che un’edizione su due del torneo metterà in palio alcuni posti per la qualificazione agli Europei successivi.

Una novità che, forse, piano piano otterrà sempre più consensi.

Portogallo
Fonte: profilo ufficiale Twitter UEFA Nations League

Leggi anche | Belgio, flop in Nations League: un’altra occasione sprecata

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI