napoli lozano ghoulam milik callejon

Quattro calciatori, quattro storie, quattro prospettive differenti. Hellas Verona Napoli, nel vuoto dello stadio Bentegodi, ha offerto anche questo.

Dietro la vittoria degli azzurri c’è il gol di Arek Milik, abile a sfruttare lo spazio libero della difesa scaligera. Il polacco si conferma decisivo, così come avvenuto nella lotteria dei rigori di Coppa Italia. Colpo di testa puntuale e preciso. Una certezza sbiadita a causa di un rinnovo che tarda ad arrivare. Gattuso lo ha elogiato nel post partita, con una frase emblematicapochi più forti di lui”.

CHI È GABRIEL, UNA ROCCIA PER LA DIFESA DEL NAPOLI

L’allenatore vuole ancora puntare su di lui ma sul calciatore aleggia la possibilità di partire, di chiudere la storia azzurra e magari abbracciare i colori bianconeri. Nel frattempo si gode un’investitura importante da parte di Gattuso, un segnale chiaro a lui e alla società nel bel mezzo di una trattativa difficile.

Callejon, Napoli e il futuro incerto

Così come quella di Callejon, rimasto in panchina a Verona e da professionista pronto ad allenarsi al fischio finale insieme a Mario Rui. Tra il ritorno in Spagna e la permanenza, il suo destino è ancora incerto. Anche al termine del contratto in essere.

Al 30 giugno Callejon può lasciare il Napoli. Una situazione complicata per un calciatore che ha sempre dato il massimo nella sua lunga esperienza. Le lacrime al termine della Coppa Italia vinta contro la Juventus sanno ancora più di addio, ma in realtà è ancora tutto indefinito.

LA SCHEDA DI ARTHUR, SCAMBIO EQUO CON PJANIC?

La sorpresa Lozano

Al suo posto Gattuso ha preferito dare spazio a Lozano, tornato in campo e subito in gol. Dopo il litigio con l’allenatore e il chiarimento, dieci minuti per dimostrare il suo valore. Il 2-0 per mettere in cassaforte la partita, un urlo liberatorio e poi il grido sui social “lasciami conquistarti” scritto dalla moglie, ma che sa tanto di messaggio alla società, alla città e all’allenatore. Lozano è pronto e vuole giocarsi il tutto per tutto e poi si vedrà se sarà addio o conferma.

View this post on Instagram

Déjame conquistarte!✨ TE AMO ?

A post shared by Ana Opp✨ (@raniazul) on

Napoli e il ritorno di Ghoulam

Infine Ghoulam. Sono trascorsi 261 giorni dall’ultima presenza in campo del terzino algerino. Era il 6 ottobre e da quel momento il Napoli ha vissuto tutto ciò che una società di calcio può affrontare: l’ammutinamento della squadra, la qualificazione in Champions, l’esonero di Ancelotti, l’arrivo di Gattuso, gli iniziali alti e bassi, la pandemia e la ripartenza con la vittoria della Coppa Italia. In tutto questo periodo Ghoulam ha continuato ad allenarsi sodo.

Nessuna dichiarazione, tante voci di mercato e di un possibile addio. Solo lavoro, costante e continuo per recuperare il tempo perso. L’occasione è arrivata ieri contro il Verona e Ghoulam non aspettava altro. Subito assist perfetto da calcio d’angolo per Lozano, 2-0 e partita chiusa.

Lo stesso esterno ha festeggiato il ritorno con un post su Instagram “Avevo troppa voglia di tornare in campo. Sono felice: per la vittoria, per la prestazione della squadra e per il mio assist. Avanti così”.

Parole di speranza, di riscatto per un calciatore sfortunato è fermato all’apice della sua carriera. E ora un’altra sfida, riprendere quella continuità necessaria per competere ad alti livelli. In attesa di conoscere il suo futuro, di capire se per lui sarà ancora Napoli.