Milan, la decisione drastica sullo staff medico

Milan, la decisione sullo staff medico fa discutere: i ricorrenti infortuni nella rosa rossonera, a cominciare da quello di Maignan, hanno portato la società a cambiare.

Troppi guai fisici, quasi in ogni partita Pioli deve fare i salti mortali per incastrare ruoli, giocatori e schemi. Gli ultimi, solo nell’anno nuovo appena cominciato, sono stati a Ballo-Touré (infortunio alla spalla, un mese fuori) e a Rebic (di tipo muscolare). In aggiunta ai tantissimi intoppi delle ultime settimane, la società rossonera avrebbe deciso di rivoluzionare il proprio staff medico, mettendo al vertice una persona unica: Andreja Milutinovic, una sorta di “guru” della preparazione atletica.

Milan staff medico l’idea

Rimane chiaro comunque che l’infortunio più preoccupante e al contempo misterioso sia quello di Maignan, il portiere che per il Milan ricopre un’importanza senza paragoni con gli altri giocatori della rosa. Da ottobre il francese è fermo per un problema al polpaccio rimediato durante una partita della nazionale, e già in precedenza aveva avuto dei mini-guai fisici sempre di natura muscolare.

Nessuno è riuscito per ora a capire o a risolvere questo rompicapo, tanto che anche sul mercato i rossoneri stanno viaggiando un po’ a vista per capire se è il caso di prendere uno in grado di fare il titolare o una semplice riserva, migliore di Tatarusanu e Mirante, entrambi peraltro molto in là con gli anni. Vasquez è chiaro che non può essere una risposta, anche perché è quasi totalmente privo di esperienza internazionale. Sportiello è una pista che pare abbandonata, Rico una suggestione dell’ultim’ora.

Gli infortuni in casa-Milan però sono stati davvero una valanga nelle ultime stagioni. Alcuni recuperi sono stati forzati, ma solo guardando alla formazione-tipo di Pioli almeno 3-4 titolari sono rimasti a lungo ai box: Maignan, appunto, e poi Calabria, Theo Hernandez e Saelemaekers.

Da qui la decisione, secondo le indiscrezioni di alcuni quotidiani, di cambiare un po’ tutto e di affidarsi al “guru” Andreja Milutinovic, che tra le altre cose è il preparatore atletico di Dusan Vlahovic, anche lui travolto dai problemi fisici di recente (pubalgia). Milutinovic ha 43 anni, in passato ha collaborato con l’Inter e con altri calciatori serbi come Kuzmanovic, Vidic, Basta, Tadic, Milivojevic e Bisevac, nonché con Shevchenko e Messi. Secondo alcuni resoconti viene soprannominato addirittura “Il Messi dei preparatori atletici”. 

Il suo ruolo sarebbe quello di “Head of Performance”, praticamente un mega-supervisore di tutte le attività atletiche del Milan, per cercare di interrompere questa catena di infortuni che sta condizionando la stagione dei rossoneri. Una decisione drastica, insomma.

Alessandro Ruta
Alessandro Ruta
Milanese, classe 1982, vive vicino a Bilbao. Ha scritto una quindicina di libri, non solo di sport. In passato ha lavorato per La Gazzetta dello Sport e Mediaset, oggi collabora con varie testate italiane e spagnole

Potrebbe interessarti anche: