Perché al Milan farebbe comodo Mata

Nel Manchester United è tempo di annunci di svincoli: dopo Pogba l’ultimo è stato un altro centrocampista, Juan Mata, un giocatore che per le sue caratteristiche farebbe molto comodo a una squadra come il Milan. 

Lo spagnolo va in scadenza di contratto tra un mese, dopo essere arrivato nel 2014 dal Chelsea per una cifra pari a 46 milioni di euro circa, per l’epoca un record per quanto riguardava il passaggio da un club di Premier a un altro.

Mata, come gioca

Delizioso fantasista mancino, figlio d’arte (suo padre aveva giocato tra gli altri per Oviedo e Burgos), nelle ultime stagioni Mata è finito via via sempre più ai margini nelle gerarchie dei vari allenatori del Manchester United.

Quest’anno ha racimolato appena 12 spezzoni di partita in tutte le competizioni con i Red Devils, che in effetti sulla trequarti avevano un’abbondanza di scelte abbastanza imbarazzante, con gente come Sancho o Rashford che ha fatto fatica a imporsi.

Mata, che ha già compiuto 34 anni, non ha più molti chilometri davanti a sé da percorrere, ma può fare comodo a chi è in cerca di fantasisti d’esperienza e soprattutto vincenti, visto che lo spagnolo con il Chelsea, quando era titolare inamovibile, vinse la Champions nel 2012.

Mata, lo stipendio

Adesso che si libera a zero l’ex prodotto del vivaio del Real Madrid può decidere da sé quale offerta accettare. Viene da un contratto abbastanza pesante di circa 9 milioni annui con il Manchester United, ma potrebbe anche abbassare le pretese.

Farebbe molto comodo a una squadra da Champions League in cerca di un trequartista in grado di giocare sia al centro che sulla fascia, ruoli che il Milan in questo momento ha scoperti visto l’andamento delle prestazioni di Diaz e Messias.

Mata può anche non partire da titolare, ma in determinate situazioni e spezzoni di partita, specie con la sua bravura sui calci da fermo, sa ancora dire la sua.

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI