HomeCuriositàDal Milan all'Ucraina: chi è Mauro Tassotti, il vice di Shevchenko

Dal Milan all’Ucraina: chi è Mauro Tassotti, il vice di Shevchenko

Mauro Tassotti è una vecchia conoscenza del calcio italiano, specialmente in ambito milanista. Oggi è il vice di Shevchenko alla guida dell’Ucraina a EURO 2020

LEGGI ANCHE: Non solo Vialli: Attilio Lombardo e Mancini, dalla Samp alla Nazionale

Con la qualificazione ai quarti di finale di EURO 2020, l’Ucraina ha già centrato il suo miglior risultato di sempre nella competizione continentale, e in tanti stanno celebrando giustamente l’ottimo lavoro svolto fin qui dal suo allenatore Andrij Shevchenko, che in Italia ricordiamo bene per la sua proficua carriera con il Milan.

Accanto a Sheva in panchina siede un’altra vecchia conoscenza della Serie A, ovvero Mauro Tassotti, vice-allenatore dell’Ucraina e parte di uno staff che comprende anche un secondo italiano, anche lui ex-milanista, il match analyst Andrea Maldera.

Mauro Tassotti, una vita al Milan

LEGGI ANCHE: Talento e qualità, il Milan punta su Gudmundsson

Nato a Roma il 19 gennaio 1960, Tassotti crebbe ed esordì in Serie A con la Lazio nel 1978, per poi approdare due anni dopo al Milan senza troppi clamori, mentre i rossoneri si trovavano in Serie B. In poco tempo seppe diventare un giocatore fondamentale per la squadra e, a dispetto di uno stile rude e prettamente difensivo, dimostrò grandissime capacità di adattamento.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Mauro Tassotti (@mauro.tassotti)

Migliorando moltissimo a livello tattico prima con Liedholm e poi con Sacchi, seppe adeguarsi alle crescenti ambizioni del Milan, che in pochi anni si ritrovò a essere una delle squadre più forti del mondo, e trasformarsi in un ottimo terzino destro moderno. Nel 1992, sebbene avesse ormai 32 anni, arrivò il suo esordio in Nazionale, preludio alla convocazione ai Mondiali del 1994.

Mauro Tassotti, la carriera in panchina

LEGGI ANCHE: Arrigo Sacchi: la carriera dell’allenatore dai successi col Milan alla crisi con Baggio

Dopo aver appeso gli scarpini al chiodo nel 1997, Tassotti entrò nello staff tecnico del Milan, continuando così la sua carriera in rossonero. Dal 1997 al 2001 guidò la Primavera, vincendo due volte il Torneo di Viareggio (1999 e 2001) e formando giocatori come Roberto De Zerbi, Massimo Maccarone, Luca Antonini, Marco Donadel e Catilina Aubameyang, fratello maggiore di Pierre-Emerick Aubamayang.

Nel marzo 2001, dopo il licenziamento di Alberto Zaccheroni, divenne allenatore della prima squadra rossonera assistendo il direttore tecnico Cesare Maldini nel finale. La promozione divenne definitiva, perché da lì in avanti Tassotti fu vice-allenatore del Milan fino al 2015, affiancando Carlo Ancelotti, Leonardo, Massimiliano Allegri, Clarence Seedorf e Filippo Inzaghi (questi ultimi due erano stati, proprio come Shevchenko, suoi giocatori negli anni precedenti).

LEGGI ANCHE: Ucraina e Dinamo Kyev, un connubio rinsaldato da Mircea Lucescu

Nel 2014, Tassotti è stato anche allenatore della prima squadra per un ottavo di finale di Coppa Italia (vinto per 3-1 sullo Spezia), tra la destituzione di Allegri e l’arrivo di Seedorf. La sua carriera in rossonero si è interrotta nel 2015 dopo 36 anni consecutivi tra campo e panchina, record assoluto per il club; nel 2016 è stato chiamato da Shevchenko per fargli da vice sulla panchina dell’Ucraina.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Milan Live (@milanlive.it)

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Valerio Moggia
Valerio Moggia
Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.

Articoli recenti

Resta aggiornato con Telegram