La Lazio ha sistemato la difesa: porta imbattuta da 4 match

La Lazio brilla per le prestazioni dei suoi attaccanti, ma ora il fiore all’occhiello è anche la difesa, dopo un inizio di campionato da incubo.

Immobile capocannoniere della Serie A, Zaccagni in grande spolvero e oggi autore di una doppietta: aggiungeteci il fatto che il panchina c’è Maurizio Sarri, e viene logico etichettare la Lazio come squadra che fa dell’attacco il punto di forza principale. Un fatto che pare confermato anche nelle statistiche sulle reti fatte e subite, rispettivamente 52 (miglior attacco dopo l’Inter) a 39.

Eppure, dopo una prima parte di campionato difensivamente orribile, i biancocelesti hanno dimostrato una netta inversione di tendenza nelle ultime giornate: la porta è rimasta infatti inviolata nelle ultime 4 partite di campionato. Un risultato considerevole, se pensiamo che prima della sfida contro la Salernitana del 15 gennaio la Lazio aveva chiuso a porta imbattuta solo due volte in questa annata di Serie A.

LEGGI ANCHE: Zaccagni si prenota per la Nazionale di Mancini

La rivoluzione difensiva della Lazio

La batosta subita in Coppa Italia contro il Milan pesa, ma la verità è che nel campionato italiano la squadra di Sarri sta fornendo prestazioni molto convincenti nel reparto arretrato, nonostante nel periodo indicato abbia affrontato anche Atalanta e Fiorentina, rispettivamente terzo e sesto attacco del torneo.

La Lazio resta la decima difesa della Serie A 2021/2022, ma il trend delle ultime giornate di campionato è senza dubbio incoraggiante, e riscatta una retroguardia che, nel corso della stagione, ha subito un poker in ben quattro occasioni: tre in Serie A e una in Coppa Italia.

Qual è il segreto della rivoluzione difensiva di Sarri? Difficile a dirsi, dato che nessun cambio radicale è stato fatto in queste ultime giornate, ma si può notare come di recente stia funzionando molto lo schieramento con Marusic a sinistra, Hysaj o Lazzari a destra, e soprattutto la coppia centrale formata da Patric e Luiz Felipe. Quando uno di questi due è mancato, cioè quando giocavano Radu o Acerbi, i biancocelesti hanno quasi sempre subito gol.

L’infortunio che ha colpito Acerbi, quindi, sembrerebbe aver consegnato a Sarri una formazione difensiva più equilibrata e adatta al suo gioco. Cambierà qualcosa con il rientro del centrale campione d’Europa?

LEGGI ANCHE: Lazio scontro tifosi società: i motivi della contestazione

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI