Lautaro-gate, la verità sullo sputo nel derby di Milano: cosa rischia?

Lautaro è stato protagonista di un episodio poco chiaro nel derby contro il Milan: ma che cosa è successo? Le immagini non chiariscono i dubbi.

Sono passate più di 48 ore dal fischio finale del derby di Milano, ma le polemiche non sembrano destinate a finire. Polemiche che riguardano soprattutto un qualcosa che sarebbe successo tra Lautaro Martinez e Theo Hernandez. Anche se i dubbi, guardando le immagini che circolano,  come una sorta di vero e proprio tam tam, sul mondo dei social network, sono davvero tanti. E in questo caso di chiarezza e di certezza ce n’è davvero molto poca.

LEGGI ANCHE: Gosens all’Inter, come gioca e cosa fare al fantacalcio

Lautaro-Gate, che cos’è successo davvero?  La verità

Come detto e anticipato, ci vogliono tutte le cautele del caso, ma dai filmati, apparsi in queste ultime ore soprattutto su Twitter, l’accusa verso l’argentino è quella di aver sputato verso il terzino francese. Il momento è quello dell’espulsione, con il giocatore transalpino che aizzava i tifosi nerazzurri dopo la sua uscita dal campo in un finale a dir poco convulso e dove gli animi erano a dir poco accesi. Giusto dare uno sguardo al video per provare a capire qualcosa in più.

La sensazione è che non si tratti di un sputo, ma forse di qualche insulto lanciato per la tensione, che in quel momento si respirava in quel di San Siro, vista l’importanza e l’andamento della partita. Le immagini però sono diventate virali sui social network, in particolar modo sul  già citato  e ricordato Twitter, creando un vero e proprio caso, che appare però costruito ad arte.

Ed ecco che Lautaro-gate, nel giro di pochissime ore, è diventato trend topic. Questo è il derby, che troppo spesso non finisce sul campo al fischio finale dell’arbitro, ma va avanti per giorni e giorni. Comunque, davanti alla richiesta di squalifica del popolo rossonero per l’attaccante dell’Inter, non resta che attendere quel che accadrà, con la palla che passa inevitabilmente in mano al Giudice Sportivo.

LEGGI ANCHE:

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI