Perché il logo della Juventus è diventato arcobaleno?

Per la Juventus LGBT e tematiche sociali sono all’ordine del giorno: per protestare con la decisione della UEFA, i bianconeri hanno restaurato il loro logo riproponendolo in salsa arcobaleno

Dopo il netto rifiuto della UEFA di concedere di colorare l’Allianz Arena con un’illuminazione arcobaleno in vista della partita tra Germania e Ungheria, la Juventus ha deciso di cambiare colori al proprio logo ufficiale trasformandolo nella composizione arcobaleno per dare un segnale molto forte.

L’iniziativa, ovviamente di sostegno alla comunità LGBT e, di rimbalzo, contro ogni forma di discriminazione sessuale, ha fatto molto discutere. tuttavia, non è la prima volta che la Juventus prende posizione contro il massimo organismo continentale, ma in questo caso non è l’unico club ad essersi esposto, visto che il gesto dei bianconeri è stato emulato anche da Barcellona e Leverkusen.

juventus lgbt
Fonte immagine: @juventus (Instagram)

Juventus LGBT, la campagna social

L’iniziativa della Juventus è stata accompagnata da alcune didascalie e hashtag che non lasciano molto spazio a interpretazioni. Il post, infatti, include anche un messaggio molto forte come “Tutti amano il calcio”, affiancato dall’hashtag “Le differenze fanno la differenza”.

L’iniziativa di colorare l’Allianz Arena era stata lanciata dal sindaco di Monaco di Baviera, le cui intenzioni erano quelle di esprimere il proprio dissenso verso le leggi emanate di recente dal parlamento ungherese, che ha imposto divieti alla diffusione e alla condivisione di contenuti che si occupano di omosessualità e transessualità per i minori di 18 anni.

La Juventus, alla pari di altre società e di parecchie istituzioni europee, ha voluto farsi sentire nell’unica maniera possibile, ovvero creando engagement attraverso profili social che raggruppano milioni di tifosi e appassionati da ogni latitudine. Ma la UEFA, sul tema, al momento pare irremovibile.

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!