Giovinco alla Sampdoria, come gioca e cosa fare al fantacalcio

Sebastian Giovinco è un nuovo giocatore della Sampdoria, tesserato un po’ in fretta e furia dai blucerchiati dopo il grave infortunio di Gabbiadini, che ha finito la stagione. Come gioca “La formica atomica” e cosa può apportare anche da un punto di vista fantacalcistico? Vediamolo assieme.

Giovinco-Samp, è dunque fatta. L’attaccante, fermo da 6 mesi dopo la scadenza del suo contratto con l’Al Hilal, è stato scelto come sostituto di Gabbiadini, infortunatosi domenica al ginocchio e out per il resto della stagione.

LEGGI ANCHE: GABBIADINI, STAGIONE FINITA

Giovinco, come gioca

Pur con quell’aria da eterno ragazzino, l’ex Juve ed Empoli ha già 34 anni e da qualche tempo ormai è uno dei nostri “emigrati” di maggior successo. Pur essendo alto appena 1.63 il suo ruolo è il centravanti, nonostante sia anche un tipo brevilineo e sgusciante.

Manca dall’Italia da 7 anni ormai, dalla sua ultima avventura alla Juventus, dove aveva vinto due scudetti anche se non esattamente da protagonista. Il meglio in realtà l’aveva dato a Parma, con 22 gol segnati in due stagioni e giocate d’alta classe.

Da lì un quadriennio spettacolare a Toronto, in Mls, dove era diventato uno dei volti-simbolo della lega americana in cui tra qualche mese, e nella stessa squadra, andrà a giocare Lorenzo Insigne. Per Giovinco ben 83 gol in 142 presenze, ma soprattutto il titolo Mls vinto nel 2017. 

Poi il passaggio all’Al Hilal, in Arabia Saudita, dove aveva conquistato la Champions League Asiatica nel 2019, giocando da titolare entrambe le finali contro gli Urawa Red Diamonds.

LEGGI ANCHE: Supryaga, chi è l’ucraino arrivato alla Samp

Giovinco, che fare al fantacalcio

Appena in tempo, si potrebbe dire, in vista di un’asta di riparazione che forse dovete ancora fare. Infatti è questo il periodo in cui si cerca di rimettere a posto le rose dopo le precedenti aste.

La prima domanda è: sarà titolare “La formica atomica?”. Inizialmente è difficile che lo sia. Gli manca completamente la condizione fisica, per non parlare del ritmo partita.

Giampaolo, sappiamo come gioca: 4-3-1-2. Domenica quando si è infortunato Gabbiadini al suo posto è entrato l’ucraino Supryaga, un mezzo oggetto misterioso quando è arrivato, ma che ha mostrato buoni numeri.

Certo, si era sul 2-0 contro il Sassuolo, una partita già indirizzata. Però chiaramente il ruolo da coprire adesso è quello, ed è ciò a cui aspira Giovinco. Che anche a 34 anni, pur fermo da mesi, entro qualche settimana potrebbe tornare una minaccia sui calci piazzati (ma c’è già Candreva alla Samp) e segnare qualche golletto.

LEGGI ANCHE: CHE FINE HA FATTO DAMSGAARD?

Siamo su Google News: tutte le news sul calcio CLICCA QUI