Perché l’affare Gattuso al Tottenham non è andato in porto?

Gattuso Tottenham non si farà: l’allenatore italiano, dopo aver appena abbandonato la Fiorentina, è stato scaricato dal Tottenham dopo le proteste dei tifosi

LEGGI ANCHE: Perché Jorginho è così importante per gli equilibri dell’Italia

Negli ultimi mesi, in Inghilterra, è divenuto abbastanza frequente assistere a proteste dei tifosi contro le scelte dei propri club, e il caso del nuovo allenatore del Tottenham con Gattuso potrebbe essere legato alle stesse motivazioni.

Sembra ormai certo che, dopo l’improvviso e discusso addio alla Fiorentina, il tecnico italiano non andrà nemmeno ad allenare gli Spurs, dopo che nelle ultime ore i sostenutori del club hanno discusso molto sui social contro il nuovo possibile arrivo in panchina, mandando in trend topic l’hashtag #NoToGattuso.

Gattuso Tottenham: i motivi della protesta contro l’allenatore

LEGGI ANCHE: Che cosa sappiamo della rottura tra la Fiorentina e Gattuso

Ai tifosi inglesi non sono andate giù alcune passate dichiarazioni di Gennaro Gattuso, che lo qualificherebbero come razzista, sessista e omofobo, rendendolo incompatibile con i valori che il Tottenham afferma di voler incarnare.

I tifosi fanno riferimento a tre affermazioni distinte che risalgono ai tempi in cui Gattuso era ancora giocatore. Nel 2008, prima della sfida agli Europei tra Italia e Spagna, l’allora centrocampista del Milan venne interrogato a proposito dei matrimoni gay e disse: “Mi scandalizzo? Sì, perché sono cresciuto credendo nei valori della famiglia e credendo nella mia religione, e tutto questo mi sembra roba molto strana”.

LEGGI ANCHE: Quali sono i nomi dei ruoli nel calcio femminile?

Nel 2013, invece, rievocò il caso degli insulti razzisti dei tifosi della Pro Patria contro il suo compagno di squadra Kevin-Prince Boateng dicendo: “Per me non è razzismo e alla fine è venuto fuori che erano 4 ragazzi che si divertivano a fare i ‘buu’. L’Italia non è un Paese razzista”. Pochi mesi dopo, commentando lo scontro tra Adriano Galliani e Barbara Berlusconi ai vertici del Milan, Gattuso disse: “Io le donne nel calcio non le vedo molto bene, mi dispiace ma è così”.

La maturazione di Gattuso

Sarebbero questi motivi, secondo alcune fonti, che avrebbero convinto il Tottenham a lasciare perdere l’allenatore italiano. Nonostante questo, nella sua carriera da allenatore Gattuso ha poi corretto queste sue posizioni: già nel 2014, intervenuto a un incontro promosso dall’Università di Bologna, spiegò che sull’omosessualità “ci sono preconcetti nello sport, ma le cose stanno cambiando, anche nella vita quotidiana. Oggi non si scandalizza più nessuno“.

LEGGI ANCHE: Giampiero Boniperti, la storia di un’icona bianconera

Divenuto allenatore del Milan, nel 2018 parlò brevemente nel ruolo delle donne nel calcio, rivelando di confrontarsi spesso con Carolina Morace, all’epoca allenatrice del Milan femminile: “Io parlo tre volte a settimana con la Morace, un coach preparato. Abbiamo sempre dialoghi costruttivi”. Lo scorso dicembre, da allenatore del Napoli, intervenne sul caso di PSG – Basaksehir, quando i giocatori di entrambe le squadre abbandonarono il campo dopo un epiteto razzista del quarto uomo: “Sicuramente per combattere il razzismo bisogna dare sempre segnali forti, e quello di ieri lo è stato“.

Non è chiaro quali siano i reali motivi per cuil’accordo Gattuso Tottenham sia saltato, anche se l’opinione dei tifosi potrebbe aver avuto un peso. Va però detto che la società inglese potrebbe anche essere stata poco convinta del curriculum dell’allenatore, e non è escluso che un problema possa essere rappresentato anche da Jorge Mendes, il procuratore di Gattuso, che in Premier League è già fortemente legato al Wolverhampton.

LEGGI ANCHE: Jadon Sancho e il rapporto difficile con l’Inghilterra

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!