HomeSerie APerché De Paul può essere un buon innesto per il Milan del...

Perché De Paul può essere un buon innesto per il Milan del futuro

Rodrigo De Paul al Milan rappresenterebbe un incastro di mercato interessante: come e dove giocherebbe l’argentino nel modulo dei rossoneri?

Mezza Europa vuole Rodrigo De Paul. Il centrocampista argentino dell’Udinese, dopo  l’ennesima stagione positiva, potrebbe decidere di lasciare il Friuli provando a fare un salto in alto e cercando un club che possa permettergli di giocare su palcoscenici più prestigiosi rispetto a una semplice lotta per la salvezza in Serie A.

LEGGI ANCHE: Il Venezia ha uno dei progetti sportivi più interessanti d’Italia

In Italia, il calciatore è stato sondato a varie riprese da Juventus e Inter, mentre fuori dalla Serie A sono arrivati sondaggi da Inghilterra e Spagna, campionati dove il centrocampista argentino – viste le sue qualità – non avrebbe difficoltà a imporsi. Classe 1994, De Paul dovrà in ogni caso lasciare Udine per provare a mettersi alla prova in un contesto più competitivo. La decisione finale, comunque, non arriverà prima della fine della Coppa America.

de paul
Fonte: Instagram @rodridepaul

De Paul al Milan, più che una suggestione

Tra le opzioni più gettonate per il futuro dell’ex Racing Avellaneda compare anche una pista a forti tinte rossonere. Infatti, De Paul al Milan è più che una semplice idea di mercato, un qualcosa di concreto del quale, in questi giorni, si sta profondamente discutendo all’interno della dirigenza milanista.

LEGGI ANCHE: Storie degli Europei: la Danimarca a Euro 1992 e la tragica vittoria di Kim Vilfort

Secondo indiscrezioni, l’Udinese valuterebbe 40 milioni di euro il cartellino del calciatore, una cifra molto alta che il Milan farebbe calare nella parte cash inserendo il norvegese Hauge come parziale contropartita. De Paul al Milan, inutile nasconderlo, sarebbe un grosso colpaccio in ogni caso, sia qualora la squadra c’entrasse la qualificazione in Champions League sia, a maggior ragione, dovesse rimanerne fuori.

De Paul al Milan, dove può giocare

A prescindere da chi sarà il prossimo allenatore del Milan, De Paul può rappresentare una soluzione tattica molto interessante per la quale la società potrebbe ugualmente decidere di investire una discreta somma di denaro. Infatti, una delle sue qualità maggiori riguarda la particolare duttilità in campo, nel senso che l’argentino può svolgere con profitto ed efficacia diversi compiti.

LEGGI ANCHE: Playoff Serie B 2020/2021 finale Venezia-Cittadella: le date

Per esempio, in Argentina Don Rodrigo nasce come esterno offensivo, ma il suo fisico troppo asciutto non gli permise di imporsi in quello stesso ruolo a Valencia, dove si trovò ad affrontare un calcio più complesso rispetto a quello al quale era abituato. Con l’approdo a Udine si è spostato in zona più centrale, da trequartista, prima che Davide Nicola lo responsabilizzasse definitivamente nel ruolo di mezzala.

LEGGI ANCHE: La Roma su Diego Carlos, il pupillo di Mourinho

È proprio in questa posizione, più decentrato verso destra, che De Paul ha avuto la definitiva maturazione. Ergo, il calciatore sarebbe un buon innesto per il Milan sia in caso di permanenza di Pioli – e, quindi, in chiave 4-2-3-1 come post Calhanoglu – che, eventualmente, nell’ipotesi dovesse arrivare un allenatore – tipo Sarri, che ama giocatori in grado di svolgere bene entrambe le fasi di gioco – che predica una filosofia differente, magari con un centrocampo a tre. In ogni caso, De Paul al Milan ha tutte le possibilità di diventare decisivo.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Rodrigo De Paul (@rodridepaul)

Seguici sul nostro sito, resta aggiornato CLICCA QUI e contattaci sui nostri social: InstagramFacebookTwitter e Flipboard! Inoltre, ascolta il nostro Podcast su Spotify!

Avatar
Andrea Bracco
Cuneese, ha fondato il primo sito di calcio sudamericano in Italia e collaborato con diverse realtà editoriali di importanza nazionale, come Ultimo Uomo e Rivista Undici. Liga e Sudamerica le sue stelle polari, il calcio minore la sua debolezza.

Articoli recenti